Italy

Claudia Lai, la moglie di Nainggolan racconta la lotta contro il cancro: “Mi godo le mie figlie perché non potrò averne più”

Attualità

Claudia Lai, la moglie di Nainggolan racconta la lotta contro il cancro: “Mi godo le mie figlie perché non potrò averne più”

Lo fa in un'intervista alla Gazzetta dello Sport, parlando di "un momento così delicato" della sua vita in cui si è resa conto "di non esser stata abbastanza lucida per affrontare il problema"

“Tutte queste cure mi hanno provocato diversi problemi, come a tutti d’ altronde. Cuore, difese immunitarie basse, osteoporosi e altre causate dalla menopausa forzata. Grazie a Dio ho già due splendide bambine, anche perché non potrò più avere figli“. Claudia Lai, la moglie del calciatore della Roma Radja Nainggolan, racconta la sua battaglia contro il tumore al seno e spiega i motivi che l’hanno spinta a condividerla con i suoi followers su Instagram. Lo fa in un’intervista alla Gazzetta dello Sport, parlando di “un momento così delicato” della sua vita in cui si è resa conto “di non esser stata abbastanza lucida per affrontare il problema”.

Ma il cancro al seno non è la prima malattia contro cui Lady Nainggolan si è trovata a combattere: “Da piccola, esattamente 30 anni fa, ho subito un intervento a cuore aperto per una malformazione cardiaca. Il fattore cardiopatia ha influito parecchio perché non posso fare uso di diversi farmaci e devo sempre stare attenta alle infezioni”. E infatti a causa di un versamento di liquido al cuore, il 13 dicembre scorso ha dovuto interrompere le terapie oncologiche, che però ora ha ripreso, e pure “alla grande” dice.

“Io sono stata fortunata, mi sono accorta per tempo, anche se era già al quarto stadio. Noi donne dovremmo amarci di più e farci controllare spesso. A volte basta poco per evitare una tragedia – ha aggiunto -. Noi donne dovremmo amarci di più e farci controllare spesso. A volte basta poco per evitare una tragedia”. Claudia Lai ha spiegato anche che Roma l’ha aiutata nel suo percorso di cure: “Amo Roma, mi ha salvato la vita. In primis il dottor Del Vescovo (ex medico sociale del club giallorosso, ndr) che mi ha messo in contatto con il dottor Vincenzi del Campus Biomedico dove ora sono seguita e coccolata. Tutti sanno che di calcio non capisco un granché, ma a Roma ho conosciuto tante persone, sono rimasta legata a tutti, è stata casa mia. Cito Amra Dzeko, una donna splendida”.

Di Milano ha invece ricordi meno belli perché è stato lì che nell’aprile del 2019 ha scoperto di avere il tumore al seno: “Sì, sono stata operata subito senza renderla pubblica e poi ho firmato per tornare a casa dalle mie figlie“. Ma ora può contare sul supporto di alcune amiche, come Wanda Nara: “Sono rimasta in buoni rapporti con tutti, mi piace farmi voler bene”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mikaela Shiffrin, la campionessa non riesce più a sciare dopo la morte del padre: “Sono rimasta senza fiato”

next
meteo