Italy

Corruzione, erede Samsung condannato a due anni e mezzo

18 gennaio 2021Il vice presidente della Samsung  Electronics, Lee Jae-oyong, è stato condannato da un tribunale  sudcoreano a due anni e mezzo di carcere con l'accusa di corruzione  per fatti risalenti al 2016. Lo riportano i media locali. Lo scandalo  per corruzione del 2016 ha portato a notevoli proteste di piazza  sfociate nella rinuncia all'incarico dell'allora presidente Park  Geun-hye        L'Alta corte di Seul ha oggi ritenuto Lee colpevole di aver corrotto  l'allora presidente e il suo consigliere per ottenere il sostegno del  governo per una fusione tra due affiliate della Samsung nel 2015 che  ha contribuito a rafforzare il controllo sul più grande gruppo  imprenditoriale del Paese.

  Gli avvocati di Lee, 52 anni, lo hanno definito vittima  dell'abuso di potere presidenziale e hanno descritto l'accordo del  2015 come parte della "normale attività commerciale". L'accusa aveva  chiesto una pena di nove anni di carcere. Non è chiaro se  l'imprenditore ricorrerà in appello. Samsung Electronics è uno dei  maggiori produttori mondiali di chip per computer e smartphone.        

Football news:

Dybala è volato a Barcellona per un esame da un chirurgo. È ancora preoccupato per un infortunio al ginocchio
Everton ha esteso il contratto con Dinem fino al 2025
Stefano Pioli: dopo aver giocato con Inter, ho detto alla squadra che mancano 90 giorni alla fine della stagione. L'allenatore del Milan Stefano Pioli ha parlato dell'umore della squadra dopo la sconfitta contro L'Inter
Jota è tornato al gruppo Generale del Liverpool
Mascherano sul futuro di Messi: non avrebbe mai osato dare consigli a Leo. Come amico, sosterrò qualsiasi sua decisione
Claudio Marchisio: Ronaldo è sempre temuto. L'ex centrocampista della Juventus Claudio Marchisio ha scherzato sul gioco dell'attaccante del club Cristiano Ronaldo di Torino nella partita del 23 ° turno di Serie A contro il Crotone (3:0)
Jack sugli insulti sui social media: uccide il calcio. Vorrei incontrare coloro che scrivono tutto questo e chiedere: perché?