Italy

È morta Rossana Rossanda, addio alla giornalista e fondatrice del Manifesto

Aveva 96 anni. Dirigente del Pci e figura storica della sinistra italiana, non ha mai abbandonato il dibattito politico e la riflessione sui movimenti operai e sulla lotta femminista

Era una “ragazza del secolo scorso“, come lei stessa si è definita nel libro di memorie che porta questo titolo. Giornalista, scrittrice, dirigente del Pci e figura storica della sinistra italiana. Fondatrice della rivista e del quotidiano Il manifesto. Rossana Rossanda è morta nella notte a Roma, aveva 96 anni. “Grazie per ogni parola scritta che ci ha aiutato sempre a vedere al di là del nostro sguardo”, ha scritto su Twitter il ministro delle Politiche Ue Enzo Amendola.

Rossanda nacque nel 1924 a Pola, ai tempi provincia italiana, poi annessa alla Croazia jugoslava nel 1947. Tra il 1937 e il 1940 frequentò il liceo classico Alessandro Manzoni di Milano e anticipò di un anno l’esame di maturità. All’Università Statale fu allieva del filosofo Antonio Banfi. Durante la Seconda guerra mondiale partecipò, giovanissima, alla Resistenza come partigiana. Subito dopo il conflitto si iscrive al Partito comunista. Nel 1958 entrò nel comitato centrale del Pci e grazie anche alla sua vasta cultura venne nominata dal segretario Palmiro Togliatti responsabile della politica culturale, che diresse dal 1963 al 1966. Gli amici del partito la chiamavano “ingraiana”, perché gravitava nella sfera di influenza di Pietro Ingrao e apparteneva all’ala più movimentista del Pci. Fu deputata alla Camera dal 1963 al 1968.

Fortemente critica nei confronti del “socialismo reale” dell’Unione Sovietica e del legame tra il partito russo e quello italiano, nel 1969 fondò con Luigi Pintor, Valentino Parlato e Lucio Magri il giornale Il manifesto, da cui prenderà il nome anche la corrente di pensiero critica nei confronti della nomenklatura del partito. Nel 1968 condannò duramente l’invasione della Cecoslovaccia da parte dei Paesi del Patto di Varsavia, in aperto contrasto con le posizioni del partito. Per questo, durante il Congresso nazionale del 1969, Rossanda e tutta la corrente furono radiati dal Pci.

Decide di lasciare per alcuni anni la politica attiva per dedicarsi al giornalismo e alla letteratura, ma senza abbandonare il dibattito politico e la riflessione sui movimenti operai e sulla lotta femminista. Dopo essere stata direttrice del Manifesto fin dalla sua fondazione, nel 2012 lascia il giornale a causa di divergenze con il gruppo redazionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Eurostat, Campania prima in Europa per rischio povertà. Record di longevità a Trento

next

Football news:

Allenatore di Salisburgo Marsh: Atletico non è diverso dalla locomotiva in stile di gioco. Differenza di livello
Bartomeu e i suoi direttori possono dimettersi domani se il voto di sfiducia non viene spostato
Luka Modric: scambierebbe il pallone D'Oro per vincere la Coppa del mondo in Croazia
Hanno smontato le abilità di Bale nel golf con i professionisti. Sembra che Gareth si stia allenando per 15 ore a settimana
Ally non è entrato nella domanda di Tottenham per la partita con Burnley, anche se non ha un infortunio
Isco: Zidane mi cambia al 50-60 ° minuto about anche in pausa, e rilascia al 80 °
Pirlo sulla posizione ottimale di Ronaldo: inizia con un insider di sinistra e sposta al centro. Può giocare al fianco di Morata about Dybala