Italy

“Ecco come mi ha ridotta il Covid in pochi mesi”. Infermiera pubblica le foto dei segni devastanti sul suo viso: il prima e dopo è choc

Emergenza Covid, i segni devastanti sul viso di un’infermiera. Kathryn è un’infermiera statunitense di 27 anni, assunta presso un nosocomio del Tennessee da circa otto mesi. La giovane si è laureata ad aprile, e il suo volto è diventato emblematico. Il motivo è chiaro. Non occorre fare altro che osservare la differenza, a distanza di pochi mesi, della foto pria e dopo la sua presa servizio nel reparto Covid.

La vicenda è stata resa nota sul “Mirror”, e divulgata sia su Urbanpost che Fangpage.  il viso di Kathryn mostra i segni evidenti e tangibili dell’emergenza sanitaria. Un volto sorridente e in salute che nel giro di pochi mesi ha subito una trasformazione devastante. Quelli che vengono mostrati sono i segni che lasciano gli strumenti di protezione utilizzati dagli operatori sanitari e come lei stessa ha sottolineato generalmente scompaiono dopo alcune ore. (Continua a leggere dopo la foto).

Così ha raccontato sulle pagine del Mirror: “Era sabato sera ed ero nel bel mezzo di un turno, ero appena uscita dalla stanza di un paziente e mi ero appena tolta tutti i DPI. Avevo in testa l’immagine della laurea e volevo mostrare la differenza che possono fare un paio di mesi e la realtà di essere un’infermiera nel pieno di una pandemia. Siamo stati in una sorta di modalità disastro per tutto il tempo in cui sono stata un’infermiera”. (Continua a leggere dopo la foto).

E aggiunge: “Non ho idea di cosa significhi essere un’infermiera in circostanze normali”. Una foto emblematica anche nei confronti di chi ancora si ostina a negare l’esistenza del virus: “È irritante vedere la gente trattare questa emergenza come uno scherzo. Abbiamo a che fare con così tanta disinformazione e così tante teorie del complotto che influenzano direttamente ciò che facciamo ogni giorno. C’è ora un antagonismo tra medici, infermieri e il pubblico in generale che non c’era prima”. (Continua a leggere dopo le foto).

La foto della giovane infermiera neoassunta presso il reparto Covid ha cominciato a circolare da quando lei stessa l’ha condivisa su Twitter. Non solo i capelli in disordine e sfibrati per l’uso costante della retina e della tuta di protezione, ma anche il viso segnato dalla stanchezza, e soprattutto la cicatrice rossa sul naso. Impossibile non fermarsi a riflettere di fronte alle testimonianze di chi continua a contrastare l’avanzata del virus sempre in prima linea.

Paola batte la testa e va a dormire. La scoperta choc al mattino, poi la tragedia

Football news:

Rogers sul pareggio con Everton: sfortunato che Lester non abbia segnato il secondo gol
Ancelotti su 1:1 con Leicester: non ricordo che Hames abbia segnato con la destra prima
Andrea Pirlo: nella mia prima stagione in Juve, siamo rimasti indietro rispetto a Milano, ma abbiamo preso il titolo. Tutto dipende da noi
Il giudice ha sbagliato due volte. De Gea è stato spinto, e con il nostro gol annullato non c'era fallo. Sulscher sulla perdita di Sheffield
Maguire sulla sconfitta di Sheffield: ha dato all'avversario due gol, ha giocato al livello sbagliato che si aspettava da sé
Wilder sul permesso di soggiorno in APL: non voglio parlare dell'inizio di un salvataggio incredibile. Vogliamo solo dimostrare quanto valga
Ronald Koeman: Barcellona in un mese complicato con l'abbondanza di uscite ha mostrato carattere e si è guadagnata la loro vittoria