Italy

Eriksen regala all’Inter il pazzo derby di Coppa Italia contro il Milan: rossoneri battuti 2-1

L'Inter batte il Milan 2-1 nei quarti di finale di Coppa Italia e approda in semifinale dove troverà la vincente del match tra Juventus e Spal. Rossoneri in vantaggio con Zlatan Ibrahimovic che poi è protagonista di una rissa con Lukaku e di un'espulsione che compromette la gara della formazione di Stefano Pioli. I nerazzurri pareggiano con un rigore assegnato grazie all'ausilio del Var e trasformato dall'attaccante belga. Nel recupero il gol qualificazione di Eriksen che manda la squadra di Antonio Conte al penultimo atto della competizione nazionale.

Un derby di Coppa Italia molto infuocato quello andato in scena questa sera a San Siro. Protagonisti sia in positivo che in negativo i due centravanti Zlatan Ibrahimovic e Romelu Lukaku. Al 32′ lo svedese con una colpo da biliardo ha infatti portato in vantaggio i rossoneri. Poi nei minuti finali i due attaccanti sono protagonisti di una deprecabile rissa e vengono ammoniti. In avvio di ripresa il milanista rimedia poi il secondo giallo e viene espulso lasciando i suoi in dieci uomini. Al 71′ Lukaku pareggia su un calcio di rigore assegnato dall'arbitro Valeri grazie all'ausilio del Var che lo ha richiamato per andare a rivedere il contatto in area rossonera tra Leao e Barella. Qualche minuto più tardi l'arbitro Valeri si infortuna ed è costretto a lasciare il match, a dirigere la gara al suo posto il quarto uomo Chiffi.

I nerazzurri in superiorità numerica assediano l'area di rigore del Milan con Conte che manda in campo anche Lautaro Martinez e Christian Eriksen. E proprio il danese all'8° minuto di recupero (dieci quelli assegnati dall'arbitro Chiffi) con uno splendido calcio di punizione batte il quasi insuperabile Tatarusanu e segna la rete che vale la qualificazione alle semifinali della Coppa Italia 2020/2021.

Football news:

Schalke non vince 10 partite e va per ultimo in Bundesliga. Hanno 10 punti in 24 partite
Monchi si è scusato con Koeman per averlo chiamato piagnucolone. Prima di Messi, anche lui si è scusato
Il giocatore della terza divisione del Guatemala è stato squalificato per 5 anni per aver colpito l'arbitro in faccia
Benzema può giocare con Atletico. È tornato nel gruppo Generale del Real Madrid
Leeds Diaz: Ronaldinho è il mio idolo fin dall'infanzia. Ha giocato con gioia e immediatezza
Rivaldo: mi piacerebbe vedere l'epica rimonta del Barça contro il PSG, ma non ci credo. La vittoria in coppa non salverà la stagione
Marquinhos: ammiro sempre di più la Lega 1. Questo non è male PSG, solo altre squadre a buon livello