This article was added by the user Anna. TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Franco: “Continuare a sostenere l’economia”

Il ministro Franco all’Insurance Summit dell’Ania: “All’orizzonte c’è ancora molta incertezza”.

ROMA – Il ministro Franco è stato uno dei protagonisti dell’Insurance Summit dell’Ania. Il titolare dell’Economia, citato dall’Ansa, ha ricordato come “con il consolidamento della ripresa possiamo guardare al futuro con cauto ottimismo, ma dobbiamo continuare a sostenere l’economia perché c’è ancora molto incertezza“.

Da parte dell’inquilino del Mef, quindi, un quadro molto simile a quello detto in passato. L’economia è ufficialmente ripartita, ma serve non togliere gli aiuti almeno fino a quando i dubbi sul ritorno della pandemia e sull’inflazione restano alti.

Visco condivide il pensiero del ministro Franco: “Flessibilità anche dopo la pandemia”.

Il sostegno all’economia è stato ribadito anche da Ignazio Visco durante l’intervista a Bloomberg tv. Il governatore della Banca d’Italia ha sottolineato che la Bce “dovrebbe mantenere la flessibilità anche dopo la fine della pandemia e dobbiamo certamente discutere come mettere a punto i programmi di acquisto di asset”.

E subito dopo ha aggiunto: “Tutto questo aiuterà contro shock imprevisti ad evitare la frammentazione che può tornare a crescere […]. Inoltre, aumentare il limite di acquisti di obbligazioni emesse dalla Ue con il Next Generation Eu è una opzione ma non è stata discussa”.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Ignazio Visco
Ignazio Visco
Ignazio Visco

Istat, in Italia nel 2019 l’economia non osservata vale 203 miliardi

Nel giorno delle parole di Franco e di Visco, è stato pubblicato un report da parte dell’Istat sull’economia non osservata nel 2019. Questa nell’anno pre-pandemia vale 203 miliardi di euro, l’11,3% del Pil. Numeri che confermano un calo in confronto all’anno precedente (-2,6%), ma la strada è ancora lunga per mettere definitivamente fine a questo tipo di economia.

Secondo quanto riferito dall’Ansa che cita il rapporto, la componente dell’economia sommersa è di circa 183 miliardi di euro mentre quella delle attività illegali supera i 19 miliardi di euro.