Italy

Giustizia: Rampi (Pd), 'non mi ritrovo in parole e campagna referendaria'

default featured image 3 1200x900 768x576

Roma, 19 giu. (Adnkronos) – "Ho ascoltato con attenzione le parole e i toni della manifestazione di piazza oggi in cui tra l’altro sono stati presentati i referendum sulla giustizia. Sono da sempre convinto che siano necessari interventi per rendere la giustizia italiana più giusta con una maggiore tutela per gli innocenti, contro l’abuso della carcerazione e della carcerazione preventiva.

Tra queste anche la responsabilità civile dei magistrati connessa necessariamente al superamento della obbligatorietà dell’azione penale. Lo penso, lo dico e lo agisco da sempre, da quando altri sventolavano il cappio in Parlamento. Oggi ho sentito espressioni e parole che saldano una cultura antiparlamentarista con una campagna contro la magistratura". Lo afferma il senatore del Pd Roberto Rampi, iscritto al Partito radicale e componente del Consiglio generale.

"Sono le categorie -ricorda- di chi promuove in tutta Europa il superamento della democrazia, dello Stato di diritto e della divisione dei poteri verso forme di populismo carismatico.

Non mi ci ritrovo e non la considero una campagna condivisibile”.

Leggi anche

Football news:

I giudici della Premier League hanno raccomandato di non assegnare un calcio di rigore discutibile, come alla Sterlina in semifinale di Euro 2020
Chelsea ha offerto oltre 100 milioni di euro e Marcos Alonso per Lukaku. L'Inter ha rifiutato di vendere il belga
Shomurodov sul passaggio a Roma: farò del mio meglio per mostrare le mie abilità in uno dei più grandi club del mondo
Roma ha acquistato Shomurodov per 17,5 milioni di euro da Genoa
Monaco ha acquistato il centrocampista di Lione Lucas per 12 milioni di euro
Aldridge sul nuovo contratto Manchester United e Sulscher: i tifosi del Liverpool, Chelsea e City gioiscono
Mbappé non lascerà il PSG quest'estate, ma anche i negoziati sul nuovo contratto non conducono (Le Parisien)