Italy

Hospice all’ospedale Santa Corona

Hospice all’ospedale Santa Corona

Hospice al Santa Corona, incontro operativo con la Asl 2, il presidente Maritano, Fondazione Sezzella, Stabilito cronoprogramma 

Hospice all’ospedale Santa Corona cronoprogramma per l’istituzione di un nuovo hospice dedicato all’assistenza dei pazienti terminali all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure: questo il tema al centro dell’incontro tra il direttore generale Asl 2 Savonese Marco Damonte Prioli,

Coadiuvato dal suo staff tecnico ed amministrativo e la Fondazione Sezzella, rappresentata dal presidente Giancarlo Maritano, dal segretario Gianluigi Figini e dal responsabile dello staff tecnico del progetto l’architetto Enrico Zunino.

Walter Sezzella  aveva deciso (non avendo eredi) di donare il suo patrimonio per l’assistenza agli malati oncologici attraverso la costituzione post mortem di una Fondazione (questo il compito del suo esecutore testamentario) che realizzasse  le sue volontà.

La Fondazione, al momento della costituzione ha deliberato all’unanimità di concentrare  parte delle risorse  alla realizzazione di un Hospice nel Ponente Ligure Savonese.

L’incontro è servito  per riprendere con determinazione l’iter amministrativo rallentato negli anni scorsi per motivi burocratici (cambio di due direttori generali dell’Asl 2) e sanitari (l’emergenza Covid): è  previsto  (come in precedenza concordato.

L’utilizzo della palazzina che fino al 1996 era riservata alle malattie infettive, una struttura situata in una zona riservata dell’ospedale pietrese che può contare su un accesso confinante con l’esterno, in grado di garantirne una fruibilità facilitata.

L’hospice, assente nel panorama sanitario del ponente savonese, verrà realizzato con un contributo di un mln di euro  (comprensivo delle spese di progettazione  definitiva ed esecutiva), oltre ad un contributo  di circa 700mila euro  previsto e finanziato dallo Stato (conto termico) per questo tipo di adeguamento energetico per le strutture esistenti.

Il progetto  prevede inoltre  lo spostamento nello stesso edificio del centro di Cure Palliative del Santa Corona (a spese dell’Asl) per costituire un moderno polo  di assistenza oncologica.

La ristrutturazione del padiglione sarà affidata direttamente all’azienda sanitaria, alla Fondazione spetterà la cessione del contributo stabilito e la progettazione esecutiva e definitiva per la realizzazione dell’intervento.

I primi colloqui operativi per la struttura risalgono ormai a sei anni fa, con l’hospice che doveva essere pronto già dal 2019.

Tuttavia la procedura avviata ha presentato delle complicazioni: la Fondazione aveva anche deciso di accollarsi l’impegno della progettazione definitiva ed esecutiva per consentire all’Asl 2 di poter appaltare immediatamente l’opera.

La situazione del padiglione, però, ad una attenta analisi, ha mostrato una situazione di criticità estrema, con importanti adeguamenti strutturali da apportare per renderla idonea alle recenti norme di sicurezza introdotte, un aspetto che ha inevitabilmente determinato un ritardo nella elaborazione del progetto sanitario.

Al termine dell’incontro l’Asl 2 e la Fondazione Sezzella hanno stabilito i seguenti passaggi per definire il progetto:

1)    procedere ad incontri ravvicinati tra i rispettivi staff tecnici per mettere a punto tutti i dettagli progettuali e le stesse modalità di consegna degli elaborati;

2)     affidare all’avv. Piciocchi di Genova il compito di redigere una convenzione come tutela giuridica della donazione;

3)     prendere contatti con il notaio Agostino Firpo di Savona al fine di trasferirgli tutta la documentazione necessaria per la stipula dell’atto di donazione;

4)     prendere contatti con la Fondazione “De Vincenzi” di Pietra Ligure e l’associazione “Basta Poco” di Albenga, che già in passato avevano manifestato l’intenzione di partecipare con un contributo alla realizzazione del progetto.

Al vaglio, inoltre, la quantificazione dei costi complessivi previsti e l’inserimento a bilancio dei relativi impegni di spesa, con l’obiettivo di traguardare progetto definitivo, copertura finanziaria e aspetti operativi entro la fine dell’anno.

“Sono davvero soddisfatto dell’esito dell’incontro, in quanto abbiamo sviluppato una serie precisa di impegni reciproci da portare a termine in questi mesi” afferma il presidente della Fondazione Giancarlo Maritano.

Il progetto sanitario, rimasto comunque sempre al centro dell’agenda della Fondazione e professionalmente e umanamente nei miei pensieri, è quindi ripartito: riprendere con vigore il percorso è motivo di orgoglio, sono convinto che un moderno Hospice nel ponente savonese è un importante obiettivo sanitario ed è nostra intenzione portalo a termine per questi ammalati e per le loro famiglie” conclude Maritano.

Football news:

Southgate vuole che più donne lavorino nel quartier generale Dell'Inghilterra
Mourinho la vittoria sul CSKA sofia: la Roma non meritava di 5:1. Non mi è piaciuto il gioco
Steve Bruce: la mia famiglia pensa che io sia malato perché non lascio Newcastle
I fan dei Rangers hanno dipinto L'autobus di Lione con graffiti offensivi
Shomurodov ha fatto due assist per la Roma nella partita LC. Ha 5 (1+4) punti in 6 partite per club
La polizia ha chiuso l'indagine di insulti razzisti contro Marzial e Tuanzebe. I colpevoli non sono stati puniti
Sulscher sul nuovo contratto di Lingard: negoziare. Speriamo che Jesse rimanga