Italy

«Idrossiclorochina introvabile, rischio di non potermi più curare?»

Ho 75 anni compiuti e per circa 35 anni ho assunto la clorochina — unitamente ad altri farmaci — per combattere l’artrite reumatoide. Lo scorso anno è stato ritirato dal mercato il prodotto Clorochina (non ho trovato riscontro sui motivi del ritiro) e il medico che da anni mi segue nel percorso della mia malattia ha ritenuto sostituire lo stesso con il Plaquenil 200 (idrossiclorochina) che assumo unitamente ad altro farmaco (metilprednisolone). La terapia dà buoni risultati, nel senso che i valori ematici sono ormai stabilizzati su livelli accettabili; il Plaquenil mi è sempre stato prescritto dal medico di base e non ho mai avuto problemi di approvvigionamento. Ora mi ritrovo in questa situazione: nel Comune in cui vivo la farmacia mi comunica che non è in grado di reperirlo; io dispongo ancora di 30 pillole e cioè potrò ancora seguire la terapia per un mese. E poi, che cosa si verificherà? Che dopo qualche tempo i miei valori peggioreranno? È presumibile. Mi viene da pensare che, data la mia età, per le statistiche sono un caso a rischio per Covid-19 e che, anche se non mi ammalerò di Covid, avrò buone probabilità di peggiorare la mia salute per mancanza del predetto Plaquenil. Chiedo soltanto che venga fatto presente a chi di dovere che ci sono altri malati, oltre a quelli prodotti da Covid-19.
Lettera firmata

LA RISPOSTA DELL’AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA):

Nel corso delle ultime settimane, a causa dell’emergenza Covid-19, si è verificata una situazione di totale eccezionalità che è in continuo mutamento. L’uso di antivirali distribuiti anche nel canale delle farmacie, come l’idrossiclorochina, ha infatti registrato un incremento a causa del quale potrebbero verificarsi dei fenomeni di indisponibilità temporanea sul territorio, ma il farmaco attualmente non risulta carente. L’Agenzia del Farmaco lavora costantemente per garantire la continuità terapeutica ai pazienti affetti da patologie di ambito reumatologico già in trattamento con idrossiclorochina e assicurare la disponibilità del farmaco anche per i pazienti con malattia Covid-19 (evitando al contempo fenomeni di accaparramento); a questo scopo ha pubblicato nuove indicazioni per gestire il rischio di carenza del farmaco, suggerendo alcune misure da intraprendere, adattandole alle esigenze e all’organizzazione locale. Tra le misure previste ci sono l’indicazione terapeutica sulla ricetta che permetta la differenziazione tra le prescrizioni per i pazienti cronici e quelle relative al trattamento della malattia Covid-19 e una distribuzione del farmaco maggiormente controllata. A questo link si può leggere la comunicazione AIFA del 9 aprile.

Football news:

Arsene Wenger: ha avuto una certa soddisfazione per la sconfitta del Liverpool. E ' bello essere gli unici
Chiellini Pro 1:4 in finale Champions League dal Real Madrid: siamo stati esausti dopo il 1 ° inning. Nessuno ha lottato
Michael Zork: se il Borussia vuole lottare per il campionato, deve battere il Bayern Monaco
Joe Hart: non provo avversione per Guardiola. Questo è il suo genio: è fermo sulla decisione presa
Portiere Magonza Müller su 0:5 da Lipsia: dovrebbe gioire che il punteggio non è a due cifre
Le preghiere di Cordoba e zanetti, traina Materazzi, la grandezza di Sneider e Eto'O. dieci anni fa, L'Inter fece trebl
I fratelli Miranchuki e Jikia hanno acquistato attrezzature per gli ospedali del Daghestan