This article was added by the user Anna. TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Il cadavere di una donna trovato nell'armadio del figlio: era lì da due anni

Milano

La vittima, un'ottantenne, sarebbe morta nel novembre del 2019 per cause naturali. L'uomo avrebbe nascosto il cadavere per continuare ad incassare la pensione. La vicenda a Buccinasco

Una scena macabra, raccapricciante. Degna di un film horror. È quella che si sono trovati davanti i carabinieri della Compagnia di Corsico, intervenuti in un'abitazione di Buccinasco, nel Milanese, dopo una segnalazione. In uno degli armadi dell'abitazione, i militari avrebbero infatti trovato il corpo di una donna morta da quasi due anni. Il figlio l'avrebbe nascosta lì, "murando" il corpo all'interno della struttura per continuare a incassare la pensione della donna, pari a circa 1.700 euro al mese.  

A fare la soffiata, lo scorso sabato, è stata la convivente del figlio, un 50enne incensurato. La donna si è presentata in una stazione dei carabinieri della provincia di Pavia per riferire di avere appreso dal suo compagno che, dopo la morte della madre 80enne, aveva deciso di occultarne il cadavere all'interno di un armadio di casa.

L'uomo, stando a quanto riferito dai carabinieri, lo avrebbe fatto esclusivamente per poter continuare a percepire la pensione della madre. Stando al racconto del figlio, l'anziana sarebbe morta nel novembre 2019 e per cause naturali. E anche su questo aspetto si concentrano adesso le indagini di carattere tecnico.

Il caso del cadavere di una donna murato nell'armadio

Dopo aver ascoltato la denuncia, i militari hanno subito portato a termine una sorta di 'blitz' nell'abitazione di Buccinasco. Il 50enne, rintracciato poco dopo, avrebbe ammesso le sue responsabilità spiegando di aver murato la madre defunta nell'armadio della camera da letto, alcuni giorni dopo la sua morte. Per farlo nel migliore dei modi, avrebbe avvolto il cadavere in sacchi di plastica che aveva ricoperto di argilla e legno. 

Le indagini

Le attività di sopralluogo sono state effettuate da personale del Nucleo Investigativo di Milano alla presenza del medico legale, che ha richiesto l'intervento del personale del laboratorio di antropologia e odontologia forense dell'Istituto di Medicina Legale di Milano. Gli inquirenti vogliono vederci chiaro. La salma sarà sottoposta ad autopsia per approfondire le cause del decesso. Nel frattempo, spiegano dall'Arma dei carabinieri, l'abitazione è stata sequestrata su disposizione dell'Autorità Giudiziaria. È stato anche disposto il sequestro dei conti correnti del figlio 50enne. L'uomo è stato ora denunciato in stato di libertà per i reati di occultamento di cadavere e truffa aggravata ai danni dello Stato.