Italy

Il Napoli mette in cassa integrazione i dipendenti

In attesa del ritorno agli allenamenti e alla normalità, il Napoli ha deciso di mettere in cassa integrazione quindici dipendenti del settore amministrativo. La società di De Laurentiis, alle prese anche con la contrattazione con i calciatori per eventuali tagli dell’ingaggio per il periodo di stop per il Covid-19, ha deciso di congelare la posizione di quei dipendenti privi di incarico anche in caso di smart working.

La cassa integrazione, all’80 per cento dello stipendio, durerà fino al giorno della ripresa degli allenamenti, ritenuto dal club il giorno della ripartenza. Le prime mosse fatte da Aurelio De Laurentiis sono dettate anche dalle eventuali perdite che subirà il club azzurro, per adesso quantificabili solo in modo approssimativo, proprio perché non ci sono ancora certezze né sulla ripresa del campionato, né su quella di Champions League e Coppa Italia.

Per gli stipendi dei calciatori, il presiedente del Napoli, nonostante il via libera dato alle società dall’Assemblea di Lega della Serie A, ha scelto di non accelerare le trattative. De Laurentis dovrà trovare un accordo con Insigne e compagni, escludendo di conseguenza decisioni unilaterali da parte delle società. Cosa non del tutto scontata, visti i recenti attriti e le conseguenze economiche imposte per l’ammutinamento dello scorso 5 novembre. Sono passati più di cinque mesi e la questione delle multe comminate dal Napoli ai giocatori continua a essere un tasto dolente nello spogliatoio, anche se il procedimento in Tribunale è fermo da un pezzo.

Le ipotesi della società partenopea potrebbero essere di un taglio su due mensilità in caso di ripresa del campionato o di quattro in caso di stop definitivo della stagione. Il lavoro continua, invece, per una parte dei dipendenti del Napoli e per chi si occupa della manutenzione dei campi di allenamento di Castel Volturno, operati però in appalto da ditte esterne.

Football news:

Arjen Robben: per me, Guardiola è il miglior allenatore del mondo. Eravamo sulla stessa lunghezza d'onda
Il Bayern ha proposto ad Alaba di estendere il Contratto. Il club non vuole pagare più di 20 milioni di euro all'anno
L'assistente Simeone Bourgas lascerà Atletico. Ha lavorato con Diego per nove anni
I tifosi tedeschi sono contro il riavvio del calcio, ma non sono impazziti. Il potere della Bundesliga è nel loro conservatorismo
Presidente Sassuolo: molti club vogliono Dio, ma abbiamo intenzione di tenerlo
Gareth Bale: non capisco perché molte persone si preoccupino che io giochi a golf. Questa percezione è stata creata dai media
Kuite sostituirà un avvocato a Feyenoord nell'estate del 2021