Italy

Imen Jane, “l’economista” con la finta laura si scusa: “Ho sbagliato, ora torno sui libri”

All'anagrafe Imen Boulahrajan, la 25enne era diventata una star sui social grazie alla sua capacità di spiegare in modo chiaro e semplice temi e concetti di economia nelle sue stories ma poi travolta dalle polemiche dopo che - a inizio giugno - il sito Dagospia ha smascherato il fatto che non si fosse mai laureata né in economia né in alcun'altra materia

Ho sbagliato. Ho fatto un errore inutile ed evitabile del quale mi pento e mi scuso”. Inizia così il primo post pubblicato su Instagram dopo oltre un mese da Imen Jane, all’anagrafe Imen Boulahrajan, la 25enne diventata una star sui social grazie alla sua capacità di spiegare in modo chiaro e semplice temi e concetti di economia nelle sue stories ma poi travolta dalle polemiche dopo che – a inizio giugno – il sito Dagospia ha smascherato il fatto che non si fosse mai laureata né in economia né in alcun’altra materia. In pratica la giovane si definiva “economista” avendo in tasca solo un diploma di liceo scientifico.

In queste settimana di assenza dai social, Imen è tornata sui libri e ha deciso di parlare chiaramente con i suoi followers della sua carriera accademica: “Non ho mai considerato l’idea di non laurearmi — ha spiegato —. La laurea per me non è soltanto un pezzo di carta. È un riconoscimento pubblico delle ore passate a cercare di apprendere qualcosa di utile per la vita. Non ho mai voluto sminuirne il valore.⁣ Finora mai nessun lavoro o incarico che ho avuto mi ha mai richiesto alcun titolo accademico, ma io volevo e voglio finire gli studi”.

Poi Imen Jane ha spiegato come è nato “l’equivoco” della laurea: “Quando a fine 2018 mi sono trovata per caso a condividere spunti di attualità su Instagram, ho attirato fin da subito grandi attenzioni. Il primo a chiamarmi ‘la studentessa divulgatrice’ fu Giletti. E per tutta quella prima metà del 2019 ho continuato ad avere controllo su tutte le mie uscite pubbliche. Ma dall’estate in poi, la situazione ha iniziato a sfuggirmi di mano. Avrei potuto spiegare tutto subito — ha continuato la studentessa —. Avrei dovuto mettere subito le cose in chiaro. Invece non l’ho fatto. Credevo che la situazione così come si era gonfiata, si sarebbe sgonfiata da sola. A nulla è servito ridurre le uscite pubbliche e concentrare tutte le mie energie solo su Will”.

“Non ho mai dato per scontato niente e nessuno — ha precisato ancora la giovane —. Non ho mai voluto ingannare niente e nessuno. Non ho mai agito in male fede. E chiedo di nuovo scusa a tutti. A tutte le persone che hanno riposto fiducia in me, alla mia famiglia, ai miei amici, alla mia azienda. La prima a starci male sono stata io – ha concluso -. Per chi vuole, mi troverà a Milano con il libro di statistica in una mano e il Financial Times nell’altra”.⁣

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Flavio Briatore: “Il Governo fa solo danni, servirebbe una bella Troika”

next

Articolo Successivo

Martin Scorsese rivela: “Soffro d’asma, ho avuto paura di morire per il Covid. Poi una grazia si è posata su di me”

next

Football news:

Thomas Tuchel: se entrambe le gambe sono intatte, potresti vedere il mio sprint di 40 metri
Il PSG ha salvato il favorito di Tuchel: Shupo-Moting ha ottenuto tutto GRATIS, è riuscito a non segnare da un centimetro, e ora ha tirato Parigi in semifinale Champions League
Gian Piero Gasperini: la cosa più triste è che eravamo così vicini. Posso solo ringraziare i ragazzi
Neymar è diventato il giocatore della partita Atalanta-PSG. Ha dato il passaggio
🇫 🇷 Il PSG ha sofferto per tutti i quarti di finale e lo ha girato in 149 secondi. Hanno tolto la maledizione italiana e sono arrivati così lontano in Champions League per la prima volta in 25 anni
😫 🔜 😅 Il dolore del psg si trasformò in felicità: in tre minuti le stelle sofferenti si trasformarono in re celebranti
Il Club Italiano per il 10 ° anno consecutivo non vincerà la Champions League. E ' anti-record