Un impianto di trattamento inermi trasformato in discarica abusiva: scatta il sequestro.

I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Udine, insieme al personale dell’A.S.U.G.I. (Azienda Sanitaria Unificata Gorizia Isonzo) e alla Sezione di PG della CC della Procura di Gorizia, hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo emesso dal GIP del Tribunale di Gorizia sull’impianto della “Calcestruzzi Trieste S.r.l.” sito in Romans d’Isonzo.

I fatti

La misura cautelare ha tratto fondamento dalle approfondite indagini condotte dai militari del comparto per la Tutela Ambientale a partire dal 2019 a carico dell’impresa - operante nel settore dell’estrazione e trattamento di inerti – a seguito di un controllo volto alla verifica del rispetto delle autorizzazioni rilasciate in favore dell’azienda dalle autorità competenti in materia. Già in quel primo frangente, risalente al maggio 2019, il sito industriale fu posto in sequestro per evidenti infrazioni alle norme ambientali in quanto i Carabinieri del NOE di Udine ed i militari della Sezione CC della Procura di Gorizia riscontrarono la presenza in loco di un quantitativo di circa 30.000 mc di rifiuti stoccati illecitamente in zona sottoposta a vincolo paesaggistico poiché attigua all’argine del fiume Torre.

I controlli

Nel corso di quel primo accesso, i militari del Comando per la Tutela Ambientale del capoluogo friulano estesero i loro controlli anche ad altri aspetti che, data la loro complessità, richiedevano maggiore approfondimento. Al termine degli accertamenti, compendiati nella richiesta di sequestro dell’intero impianto, oltre all’esistenza di una discarica abusiva di inerti ed alla gestione illecita di rifiuti, fu riscontrata la presenza di una vasca di raccolta acque reflue di dilavamento priva di autorizzazione allo scarico. A tutto questo si aggiunsero poi numerosissime criticità in materia di sicurezza sul lavoro, riscontrate dall’Azienda Sanitaria, giacché fu accertata - tra l’altro - la mancata revisione di alcuni macchinari, l’assenza del documento di valutazione dei rischi e l’inadeguatezza dell’impianto antincendio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Play

Replay

Play Replay Pausa

Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio

Indietro di 10 secondi

Avanti di 10 secondi

Spot

Attiva schermo intero Disattiva schermo intero

Skip

Attendi solo un istante

, dopo che avrai attivato javascript

...
Forse potrebbe interessarti

, dopo che avrai attivato javascript

...

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Le violazioni

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Gorizia, hanno svelato dunque un gravissimo quadro di plurime violazioni delle norme in materia ambientale e di prevenzione degli infortuni sul lavoro che ha indotto ad avanzare richiesta – pienamente avallata poi dal GIP del Tribunale di Gorizia - di sequestro preventivo degli impianti presenti all’interno dello stabilimento di Romans d’Isonzo della “Calcestruzzi Trieste S.r.l.”.

In Evidenza