Italy

In Fvg un milione di vaccini in arrivo entro giugno: la Regione sarà in grado di immunizzare gran parte della popolazione

UDINE. La premessa è quantomai d’obbligo, considerata anche l’esperienza di questi primi mesi di campagna vaccinale, e porta alla variabile legata al rispetto dei contratti, e delle relative consegne delle dosi.

Nel caso in cui però – come questa volta assicurano dal Governo – le case farmaceutiche mantenessero gli impegni presi, allora il Friuli Venezia Giulia nel secondo trimestre dell’anno “rischia” davvero di essere inondato da oltre un milione di dosi di vaccino con la possibilità, quindi, di immunizzare una fetta considerevole di popolazione.



Il calcolo aritmetico parte dai numeri attuali. Sabato 6 marzo la regione si trovava al quarto posto in Italia quanto a capacità vaccinale avendo inoculato con almeno una dose il 7,5% della popolazione – più o meno 90 mila 500 persone – di cui il 3,3% – circa 39 mila 800 – ha ottenuto anche il richiamo.

Fino a questo momento la Regione ha potuto contare sull’assegnazione di una fetta maggiore di vaccini rispetto al classico 2,16% – cioè la percentuale di residenti in relazione alla popolazione italiana – che viene normalmente applicato al Friuli Venezia Giulia perché l’accordo stretto da Massimiliano Fedriga con gli altri governatori ha previsto la distribuzione delle fiale Pfizer e Moderna – quelle destinate alle fasce più a rischio – in proporzione al numero degli over 80 residenti con il nostro territorio che è il secondo più anziano d’Italia dopo la Liguria.

Questa suddivisione, inoltre, si applicherà anche a marzo, mese che chiude il primo trimestre di consegne. Il cronoprogramma comunicato dalla gestione commissariale prevede l’arrivo entro e non oltre il 3 aprile di 80 mila 730 dosi Pfizer, 19 mila Moderna – concentrate soprattutto a fine mese – e 55 mila 300 AstraZeneca per un totale di 155 mila 30 vaccini.

E se tra lunedì 8 e martedì 9 è atteso il via libera da parte del ministero della Salute all’utilizzo di AstraZeneca anche per gli over 65 e il Governo pare voler puntare sul modello inglese di vaccinazione – posticipando i richiami per garantire una copertura, anche se minore, a una fetta maggiore di italiani –, la vera svolta della campagna potrebbe manifestarsi davvero da aprile in poi quando l’Unione europea avrà a disposizione anche le fiale monodose di Johnson&Johnson – con il via libera dell’Ema atteso per giovedì e le prime consegne a fine mese – e molto probabilmente anche quelle di Curevac.

Nel piano vaccinale italiano, infatti, entro giugno è previsto l’arrivo, complessivamente, di 52 milioni 477 mila 454 dosi di vaccino che per il Friuli Venezia Giulia, e al netto di quell’1-2% che il ministro Roberto Speranza vuole conservare per le Regioni che dovessero trovarsi in difficoltà, valgono 1 milione 133 mila unità (sempre che venga rispettato il criterio del 2,16%) di cui oltre 157 mila di Johnson&Johnson.

Ora, se teniamo in considerazione una popolazione regionale che supera di un soffio il milione e 200 mila persone, e a questo totale sottraiamo gli under 18 che attualmente non possono essere immunizzati e pari a 184 mila, gli oltre 80 mila vaccinati con doppia dose che si raggiungeranno a fine marzo stante le proiezioni attuali e i guariti dal Covid – attualmente 63 mila, ma saranno di più – cui andrà una sola dose, bene si capisce come la Regione sarà potenzialmente in grado di coprire, sia con i richiami sia con la dose singola, la maggior parte dei cittadini che vorranno essere vaccinati.

A condizione, come sottolinea sempre il vicepresidente Riccardo Riccardi, che il personale messo a disposizione per la campagna aumenti, e non di poco, da qui ad aprile. Perché la Regione, oggi, veleggia in un range tra 3 mila e 4 mila iniezioni al giorno, ma da aprile in poi ci sarà bisogno di fare molto più in fretta. —

Football news:

Kane è diventato il detentore del record per il numero di gol in APL per i giocatori senza titolo, battendo Fowler
Ancelotti Pro 2-2 con Tottenham: una delle migliori partite casalinghe di Everton. Se facciamo meno errori in area di rigore, possiamo vincere la partita. Questa è stata una delle migliori partite casalinghe. Abbiamo creato momenti per vincere
Mourinho delle parole di Pogba su di lui: non mi Interessa quello che dice. Non è Interessante
Mourinho sul rigore di Everton: Non commento. L'allenatore del Tottenham José Mourinho ha parlato del calcio di rigore assegnato a favore Dell'Everton APL
Kane è uscito al 7 ° posto nella lista dei migliori marcatori della APL. Ha 164 gol
Yaya Toure Guardiola ha inviato una lettera di scuse: per Molto tempo in attesa di una risposta
Marcelino sulla Coppa di Spagna: il Barça non può vincere senza soffrire. Sono abituati a vincere le finali