This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Le borse accelerano, il petrolio brent torna a 72 dollari

di Fabrizio Patti 06 dicembre 2021Inizio in rialzo per la settimana delle borse europee. Il Ftse Mib di Milano ha ulteriormente accelerato, ora segna +0,95% per cento, dopo il bilancio negativo dello 0,40% della scorsa settimana. Nel resto d'Europa Londra +0,96%, Francoforte +0,50%, Parigi +0,83%.

Sono positivi anche i future legati agli indici americani, che ne anticipano l'apertura. Rimane di poco negativo quello sul Nasdaq (-0,33%) dei titoli tecnologici.

Il calo del settore tech ha determinato nella notte un calo netto della borsa di Hong Kong, -1,76% per l'indice Hang Seng. E' ancora l'effetto dell'annuncio di Didi, l'equivalente cinese di Uber, del ritiro dalla borsa di New York, dopo le molte pressioni delle autorità cinesi, pressioni che hanno portato a un calo del 45% del valore del titolo da luglio.

A Piazza Affari tra i titoli del paniere principale in evidenza il calo per Tim - Telecom Italia, ora -2,33%, dopo essere stata sospesa in avvio per eccesso di ribasso. Indiscrezioni di stampa hanno parlato di un incontro tra Cdp e Vivendi per trovare dei punti di convergenza sulle strategie per un rilancio di Tim al di fuori del progetto di Opa di KKR.

Oggi ha parlato di Tim anche Beppe Grillo, che sul suo blog ha definito «irrealistico pensare a uno scorporo della rete Telecom e alla fusione con Open Fiber, perché è troppo tardi: le due reti sono già in ampia misura realizzate e quasi totalmente sovrapposte, quindi i risparmi da fare modesti». Il co-fondatore del M5s ha auspicato un'uscita di Cdp da Open Fiber e una sua maggiore presenza in Tim.

Venerdì sera prima promozione da 20 anni per il debito italiano da parte dell'agenzia di rating Fitch. Oggi il rendimento del Btp italiano scende di due punti base, a quota 0,91%. Lo spread con il Bund tedesco scende di due punti base, a quota 128.


In risalita infine il petrolio Brent, dopo il calo iniziato con l'emergere della variante Omicron, oggi +3% per il Brent, che torna sopra i 72 dollari al barile.