Italy

Lutto nel mondo del giornalismo: morto Sergio Gervasutti

Aveva 83 anni. Aveva iniziato da giovanissimo collaborando per Il Piccolo ed è stato poi direttore del Messaggero Veneto per otto anni

TRIESTE È morto questa mattina, lunedì 2 agosto, a 83 anni Sergio Gervasutti, direttore del Messaggero Veneto dal 1992 al 2000. Solo pochi giorni fa era venuto a mancare suo fratello, Luigi Gervasutti, giornalista e direttore di importanti giornali. 

Nato a Palmanova il 20 novembre 1937, Sergio Gervasutti ha cominciato giovanissimo il suo lungo percorso nel giornalismo. Ha cominciato a collaborare con Il Piccolo ed è diventato professionista nel 1960 dopo aver compiuto il praticantato al “Gazzettino di Venezia”, del quale negli anni ha diretto tutte le redazioni trivenete e quella romana (Dal 1970 al 1972 è stato a capo della redazione udinese). Si è occupato di politica, di economia e di costume.  Ha percorso tutte le tappe di una carriera che si è protratta per oltre mezzo secolo: da corrispondente a redattore, capocronista, vicedirettore e direttore.

Nel 1982 è stato nominato alla guida del “Giornale di Vicenza”. Ha diretto nel 1987 a Como il quotidiano “La Provincia”. Dal 1992 al 2000 è stato direttore del “Messaggero Veneto”. Si è poi dedicato alla narrativa storica pubblicando una decina di libri.

Nell’ottobre 2020 gli è stato conferito il primo premio giornalistico internazionale “Isi Benini – Città di Udine” assieme a  Licio Damiani e Daniela Paties Montagner.

Football news:

Gian Piero Gasperini: Atalante è inutile guardare lo scudetto. Spiccano Inter, Milan e Napoli
Levandowski ha Interrotto la serie di assist di 19 Partite per il Bayern. Ha segnato da febbraio
Müller ha superato Rummenigge e con 218 gol è arrivato al 3 ° posto nella lista dei migliori marcatori del Bayern
L'allenatore di Reims Garcia può cambiare Kuman a Barcellona
Tebas circa la Coppa del mondo ogni 2 anni: completa follia ed errore. Violazione dell'ecosistema del calcio
Contro il presidente Anger stanno conducendo due nuove indagini nel caso di violenza sessuale
Se Mbappe ha una qualità, allora è modestia. L'allenatore del PSG Mauricio Pochettino ha commentato le recenti Parole di Frederick Antonetti che lavora con il Metz sull'attaccante parigino Kylian Mbappé