Coronavirus (foto d'archivio)

“L’ufficio legale di Regione Liguria sta valutando se ci sono gli estremi per chiedere un rimborso danni importante” al responsabile della Fondazione Gimbe, con sede a Bologna, secondo cui le Regioni Lombardia, Liguria e Piemonte non sono pronte a riaprire i propri confini il 3 giugno.

Lo ha annunciato oggi il governatore Giovanni Toti, intervistato durante la trasmissione Tagadà sull’emittente televisiva La7.

Il presidente della Fondazione Gimbe aveva anche parlato di “magheggi” in particolare riferendosi alla Lombardia.

Inoltre, intervistato oggi da TgCom in riferimento alla querela prontamente annunciata dal governatore leghista Attilio Fontana, ha confermato quell’espressione.

“La Fondazione Gimbe – ha in sintesi spiegato Toti – mette insieme dei dati in modo estemporaneo senza considerare tutti gli indicatori su cui più di cento persone in Liguria lavorano.

Ritengo che tutti coloro che analizzano i dati in modo, non voglio dire malevolo, anche se quello che hanno detto su Regione Lombardia sui dati truccati francamente merita la querela, fanno un danno al Paese.

I dati li stanno analizzando i migliori uffici sanitari delle Regioni insieme al ministero della Sanità e all’Istituto Superiore di Sanità”.