This article was added by the user Anna. TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Manovra, conclusa la cabina di regia: addio al cashback. Reddito di cittadinanza, meno soldi dopo due rifiuti

La cabina di regia sulla manovra è terminata. Andiamo a vedere nei dettagli quali sono le possibili misure.

ROMA – La cabina di regia sulla manovra è terminata nella serata di mercoledì 27 ottobre 2021. Non sono state registrate particolari tensioni tra i partiti e il premier Draghi, ma l’accordo sulle pensioni con i sindacati non è ancora stato trovato.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

La cabina di regia sulla manovra

Una cabina di regia sulla manovra che è servita a definire alcuni passaggi della prossima legge di bilancio. I dubbi da chiarire sono ancora diversi e molto probabilmente lo si farà in Cdm.

Pensioni

Uno degli argomenti più delicati resta quello delle pensioni. Come riportato dall’Ansa, la discussione è ancora aperta. Il Governo starebbe pensando di confermare il passaggio a Quota 102 ma solo per un anno e poi trovare una nuova misura.

Superbonus

Per il Superbonus, invece, si va verso la proroga anche per le abitazioni monofamiliari per tutto il 2022 con un Isee fino a 25mila euro per i proprietari. Prevista anche la possibilità di confermare il bonus facciate per l’anno prossimo, ma con il 60% del rimborso e non il 90%.

Cashback

Sembra essere arrivato alla fine, invece, il cashback. Il premier Draghi non è mai stato convinto da questa misura e, nonostante il pressing del M5s, la misura verrebbe cancellata con questa nuova legge di bilancio.

Reddito di cittadinanza

L’altro tema molto delicato è quello del reddito di cittadinanza. L’ipotesi avanzata è quella di ridurre la cifra dell’assegno dopo il secondo rifiuto.

Manovra in Consiglio dei ministri

La manovra è attesa in Consiglio dei ministri nella giornata di giovedì 28 ottobre 2021. Subito dopo la misura andrà in Parlamento per la discussione e l’approvazione definitiva. In questo passaggio non si escludono ulteriori modifiche al provvedimento e non si escludono delle tensioni anche tra i partiti della maggioranza.