Il danese operato al ginocchio: starà fuori sei mesi

La vittoria contro il Genoa dell’ex Shevchenko e il concomitante pareggio del Napoli con il Sassuolo ha rilanciato le ambizioni scudetto del Milan, tornato a -1 dalla vetta. Il successo di Marassi, però, è costato un conto salatissimo con l’infortunio che priverà la squadra rossonera di Kjaer praticamente per il resto della stagione. Il centrale danese è infatti stato “sottoposto ad artroscopia del ginocchio sinistro per la ricostruzione del legamento crociato anteriore” e i tempi di recupero sono stimabili in 6 mesi. Proprio le sue condizioni sono state a lungo argomento della conferenza odierna di Pioli, alla vigilia del match contro la Salernitana. Il tecnico non ha escluso interventi sul mercato precisando però che “lo faremo solamente per cercare di migliorare la squadra”. Si fanno già i nomi di Milenkovic della Fiorentina e Bremer del Torino. Parlando di Kjaer, Pioli ha poi detto: “Gli siamo molto vicini, siamo preoccupati per la sua situazione ma consapevoli e sicuri che tutto andrà bene. E’ una persona forte e un giocatore forte”.

Pioli si è quindi concentrato sul prossimo impegno in campionato, consapevole che c’è il rischio di avere la testa già al match di Champions contro il Liverpool. “Adesso è un momento molto importante, mancano 20 giorni alla sosta di Natale che è il primo blocco del campionato”, ha detto il tecnico del Milan. “Quella di domani è la più importante, avrà diverse difficoltà, dovremo essere molto pronti, poi arriverà la Champions – ha aggiunto – Ma nessuno di noi ci sta pensando, né io con le scelte che farò dei miei giocatori”. Pioli ha quindi lanciato un nuovo allarme sui troppi infortuni dovuti al ritmo incessante di partite in calendario. “E’ difficile provare a organizzare un calendario diverso, ma che si giochi troppo è evidente”, ha dichiarato. “La salute dei giocatori è fortemente a rischio, noi torniamo alle 3 o alle 4 dalle trasferte e magari si gioca dopo due giorni. Diventa veramente difficile – ha aggiunto – Il turnover diventa inevitabile se si vuole tenere alto il livello delle prestazioni. Bisogna rivedere qualcosa, non so se il numero delle partecipanti ai campionati o allungare un po’ la stagione”.

Per quanto riguarda la formazione rossonera, al posto di Kjaer giocherà il rientrante Romagnoli mentre in attacco scontata la riconferma di Messias sulla trequarti ma non a destra bensì al centro con Saelemakers a destra. In attacco l’immortale Ibrahimovic. E a proposito di grandi campioni, nelle Salernitana il tecnico Colantuono spera di recuperare in extremis Ribery. “Domani ci attende un’altra gara difficile sulla falsariga di quella contro la Juventus. Affrontiamo una squadra fortissima che palleggia molto bene e ti costringe a giocare in un certo modo. Dovremo essere bravi a ripartire bene e sfruttare le occasioni che si presenteranno. Dalla squadra mi aspetto l’atteggiamento giusto per mettere in difficoltà i nostri avversari”, ha dichiarato Colantuono alla vigilia. “In questo momento di difficoltà i ragazzi si stanno dimostrando encomiabili dal punto di vista della disponibilità, si adattano a tutte le situazioni anche a gara in corso – ha aggiunto – Anche chi non è al massimo della condizione ha sempre voglia di dare il proprio contributo e dimostra grande partecipazione e attaccamento”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata