Italy

Milano, in Darsena folla di giovani accalcati a ballare nell’ultimo sabato in zona gialla

Intorno all'ora di cena nell'area si sono radunati tantissimi ragazzi, alcuni con la mascherina e molti altri senza. Eppure la Questura di Milano aveva comunicato di aver potenziato i servizi di controllo

Una folla di ragazzi, alcuni con la mascherina e molti altri senza, accalcati a ballare o chiacchierare a bordo acqua: è la scena che si è vista questa sera intorno all’ora di cena alla Darsena di Milano, nell’ultimo sabato di zona gialla prima che la Regione, da lunedì, torni in area arancione. I video girati dal Tg1 e dal Corriere della Sera mostrano come l’area si sia di fatto trasformata in unico maxi-assembramento, con tanto di musica. Eppure la Questura di Milano aveva comunicato di aver potenziato i servizi di controllo.

Proprio oggi il sindaco Beppe Sala aveva rivolto un appello ai milanesi, chiedendo di “tenere un comportamento corretto“. “Fatelo per la nostra salute e per chi negli ospedali sta lavorando a ritmi che speravamo non necessari”, le sue parole. “Era previsto l’arrivo di questa terza ondata ed è successo. Alcuni nostri comportamenti l’hanno favorita“, ha aggiunto Sala, citando proprio tra gli esempi “i Navigli pieni, che ormai sono diventati il set ideale per catturare immagine di gente assembrata, ma la verità è che a volte il rispetto delle regole manca davvero“. È successo anche questa sera, complice l’assenza dei controlli.

Eppure già nel pomeriggio i milanesi, vista anche la bella giornata con temperature primaverili, si sono riversati in zona Navigli e lungo la Darsena per bere l’aperitivo anticipato, vista la chiusura alle 18 dei locali. I controlli annunciati dalla Questura hanno interessato i luoghi del centro cittadino da piazza Duomo, a corso Garibaldi, compresi Darsena e Navigli. Proprio in questa zona, dove si è registrata una maggiore affluenza di persone, si è reso necessario regolamentare l’afflusso all’area. Una misura che evidentemente doveva essere estesa anche alla Darsena.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Attanasio, l’ambasciata italiana smentisce Kinshasa: “Sapevano del viaggio, c’è documento”. La replica: “Partenza annullata”

next

Football news:

Malinovsky ha dato 2 + assist in due partite consecutive-il primo caso simile in Serie A In 8 anni
Arteta su 3:0 con Sheffield: Arsenal controllava il gioco. Preparazione perfetta per la Slavia
Ronaldo ha gettato una maglietta sul campo dopo la partita con Genoa. La Juve non penalizzerà Cristiano-potrebbe essere un regalo per te
Saco ha subito un infortunio alla coscia nella partita Dell'Arsenal con Sheffield
Ponte sul tedesco: si è calmato. Capito che il calcio non è solo di urlare e saltare sul bordo
Mourinho sulle parole di Sulscher: Sonny è fortunato che suo padre sia migliore di Ole. Un padre deve sempre dare da mangiare ai bambini. Dobbiamo rubare il cibo per loro-rubi
Sulscher su Sona: se mio figlio fosse sdraiato per 3 minuti e non si alzasse senza l'aiuto di 10 compagni, lo lascerei senza cena