Italy

Nuove cuffie Sony WH-1000XM4: la magia della cancellazione del rumore

In tempi di smart working e didattica a distanza c’è uno strumento che risulta sempre più imprescindibile per le nostre attività quotidiane, oltre che per il tempo libero. Quale? Le cuffie. Senza contare che, con il Natale quasi alle porte, cuffie e auricolari saranno sicuramente tra i dispositivi più gettonati come regali per gli amanti della tecnologia.

Indispensabili per affrontare al meglio chiamate, lezioni e riunioni virtuali, senza disturbare chi ci sta vicino, le cuffie restano ovviamente anche le compagne ideali in casa per ascoltare musica o guardare film e serie TV, isolandosi dai rumori esterni, proprio come succede sui mezzi pubblici, quando siamo immersi nel traffico cittadino o in aereo quando desideriamo viaggiare in totale tranquillità.

Tra le caratteristiche che sempre più si stanno affermando come differenzianti per questo tipo di dispositivi c’è proprio la capacità di isolamento, ossia la tecnologia di eliminazione del rumore – Noise Cancelling –, che permette di immergersi nella musica, nei podcast, nelle riunioni virtuali o nelle chiamate, senza essere disturbati dai rumori che ci circondano e che possono distrarci oltre che essere fastidiosi.

A farci comprendere a pieno la portata della capacità di isolamento, ci ha pensato Sony che ha lanciato le cuffie  WH-1000XM4 con Noise Cancelling e che ha fatto il punto di tale tecnologia insieme a due professionisti: Mick Odelli, visual storyteller e Youtuber, e Albert Marzinotto, dj e producer musicale.

I due artisti hanno spiegato perché l’innovazione delle WH-1000XM4 non solo contribuisca a migliorare una tecnologia già affermata, ma influisce anche sul nostro benessere, portando l’ascolto a massimi livelli.

«La musica evoca ricordi, cambia la nostra capacità di percepire il tempo. La scienza è sempre stata interessata al potere benefico e curativo che la musica esercita sulla nostra mente e sul nostro corpo, come dimostrano numerose ricerche. Per sperimentarlo in prima persona, consiglio di iniziare ascoltando Mozart: noteremo miglioramenti nelle nostre performance, riduzione dello stress, maggiore concentrazione e memoria più duratura. Se proviamo ad ascoltare i suoni della natura, si scatenerà anche un effetto visivo che ci riporterà a un livello di benessere quasi primordiale», afferma Mick Odelli.

«È interessante notare poi che il nostro cervello ha un sistema simile al noise cancelling per decidere a cosa prestare attenzione e a cosa no, in modo da potersi concentrare maggiormente su ciò che realmente conta. Tuttavia, questo non fa da barriera al vero inquinamento acustico per il quale l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha indicato gli 85db quale limite sopra cui rechiamo un danno alle nostre orecchie (sopra i 125db completamente irreparabile). In questo senso, la tecnologia può venirci in aiuto sia come difesa dall’inquinamento acustico delle nostre città sia per estraniarci dal mondo circostante», conclude Odelli.

«La tecnologia Noise Cancelling ha cambiato il nostro modo di vivere. Spesso, travolti dalla frenesia che ci circonda, sentiamo la necessità di “sentire solo la nostra voce”, di vivere i nostri momenti con colori e suoni scelti da noi e non imposti dall’ambiente circostante. Ecco perché trovo molto utile questa tecnologia in quanto mi consente di essere padrone di ciò che il mio udito desidera ascoltare senza essere disturbato e, letteralmente, di creare la realtà che voglio. Da produttore musicale, mi permette di viaggiare e uscire ascoltando musica come in studio. Fino a poco tempo fa era inverosimile pensare di ascoltare musica classica in un luogo affollato come la stazione, ora lo posso fare», aggiunge Albert Marzinotto.

Le cuffie Sony WH-1000XM4, oltre al Noise Cancelling migliorato, offrono nuove funzionalità, tra cui Speak-to-Chat, che permette di mettere automaticamente la musica in pausa quando si parla, Precise Voice Pickup, che controlla cinque dei microfoni del dispositivo e processa i segnali audio in modo avanzato per riconoscere chiaramente le voci, Adaptive Sound Control, che rileva l’ambiente in cui ci si trova modificando automaticamente le impostazioni del suono per creare l’esperienza di ascolto ideale, e Fast Pair di Google che consente di trovarle facilmente in caso di smarrimento, facendo in modo che emettano un suono.

Nella gallery in alto, scoprite anche voi le nuove Sony WH-1000XM4.

LEGGI ANCHE

Le cuffie Sony che spengono il rumore e accendono la musica

LEGGI ANCHE

Wine Listening: la app che abbina a ogni vino la musica giusta

Football news:

Vogliamo conoscerti meglio-per favore, segui questo questionario e dicci quali altri media sportivi stai leggendo!
Pavel Znozin: Utkin e Maslachenko erano un po ' teso rapporto. Vasya è diventato il redattore capo di NTV-Plus, c'era la gelosia
Messi, De Jong e Busquets-nella domanda di Barcellona per la partita con Osasuna
Klopp su Weinaldum: voglio che rimanga. Ma fino a quando nulla è stato deciso, tutto è possibile
Non ho trovato la grandezza di Maradona. Ma non riesco a smettere di pensare a lui
Carvajal salterà 4 partite del Real Madrid e prevede di tornare al derby con atletico
Messi è sempre andato molto senza palla. Meglio di tutti, questo problema è stato risolto da Guardiola