This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Peng Shuai, la Wta “sospende tutti i tornei in Cina”: insoddisfatta dalle ‘prove’ di Pechino sulla sorte della tennista

La vicenda risale a inizio novembre, quando dell'atleta si erano perse le tracce dopo aver denunciato per molestie sessuali l'ex vicepremier di Pechino, Zhang Gaoli. Da quel momento da Pechino sono state diffuse una lettera, alcune foto della tennista e c'è stato anche un colloquio video con il presidente del Cio nel quale lei lo rassicurava sulle sue condizioni. Ma l'associazione le ha ritenute prove insufficienti

Non è bastato il dialogo in videochiamata con il presidente del Comitato olimpico internazionale, non sono state convincenti prima la lettera di rassicurazioni e poi le foto mentre gioca con il proprio gatto e dei peluche: la Women’s Tennis Association (Wta), l’associazione che riunisce le giocatrici professioniste di tennis di tutto il mondo, ha deciso di “sospendere tutti i tornei in Cina” a causa della sparizione, da inizio novembre, della giocatrice cinese Peng Shuai, di cui si erano perse le tracce fino a pochi giorni fa dopo aver denunciato per molestie sessuali l’ex vicepremier di Pechino, Zhang Gaoli.

La vicenda risale a inizio novembre, quando della giovane campionessa si sono perse le tracce dopo la pesante denuncia nei confronti del membro del Partito Comunista Cinese. Una scomparsa che aveva destato preoccupazione e che aveva sollevato le proteste della comunità internazionale, oltre che di importanti esponenti dello sport. Un primo segnale di vita, sul quale però rimangono dubbi riguardo all’autenticità, c’era stato il 18 novembre scorso, quando la tv di Stato aveva diffuso una lettera attribuita all’atleta nella quale si rassicurava tutti e si spiegava che quella di rimanere lontana dai riflettori era stata una sua scelta personale.

Novità che non aveva convinto la Wta che proprio nelle ore successive aveva lanciato un primo avvertimento spiegando che, in mancanza di rassicurazioni attendibili, avrebbe lasciato il Paese. Così, poche ore dopo, erano arrivate le foto: la giovane era raffigurata sorridente con in braccio quello che si presume essere il suo gatto e circondata di peluche: “Buon Weekend”, avrebbe scritto sul suo profilo WeChat secondo alcuni giornalisti locali che hanno diffuso le immagini dai loro profili Twitter. Il giorno dopo, poi, il colloqui tra Peng e il presidente del Cio, Thomas Bach: “Sto bene e sono al sicuro”, ha detto. Ma la Wta non ne è convinta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Max Biaggi, uomo dei record sulle moto elettriche: sulla pista della Nasa primato di velocità a 455 km l’ora

next