Italy

"Per loro...", "Per tutte e due": scintille Allegri-Pioli

Vigilia frizzante di Juventus-Milan con le due squadre che arrivano a questo big match con due stati d'animo differenti nonostante due risultati opposti ottenuti in Champions League. I bianconeri vengono dalla vittoria, per 3-0, sul Malmo ma in campionato hanno messo insieme solo un punto in tre giornate, mentre i rossoneri vengono dalla sconfitta per 3-2 contro il Liverpool, ad Anfield, ma in campionato navigano a pieno regime con 9 punti messi insieme nelle prime tre giornate.

Alleggerire la tensione

Ovviamente tutta la pressione è sulla Juventus che in caso di pareggio o addirittura di sconfitta preciperebbere a meno undici dalla vetta, mentre se fosse il Milan a dover perdere sarebbe sì una brutta battuta d'arresto ma contro un avversario con una rosa, almeno sulla carta, superiore. Allegri ha cercato di scaricare la tensione alla vigilia e in conferenza stampa ha scaricato il tutto sulle spalle della sua ex squadra: "Innanzitutto è sempre Juve-Milan, una delle partite più importanti del campionato se non la più importante. Loro giocano insieme da quasi tre anni e hanno acquisito delle certezze importanti. Noi stiamo crescendo, nelle ultime settimane siamo stati insieme. Ci fa ben sperare per la partita di domani, ma credo sia più importante per loro che per noi".

Pioli rispedisce al mittente

Informato delle parole del collega, Stefano Pioli ha rispedito al mittente le parole del suo collega: "Perché Allegri dice che la partita è più importante per il Milan che per la Juve? La risposta dovrebbe darla lui. La partita è molto importante per entrambe le squadre. E' uno scontro diretto tra due formazioni che hanno l'ambizione di arrivare tra le prime quattro. Ma sarà molto importante per l'esito finale della classifica fare più punti possibili contro le squadre dopo le prime sette. Sarà molto importante la partita di domani, ma lo saranno anche quelle con Venezia e Spezia".

Le ultime dai campi

In realtà la partita è delicata per entrambe anche se una sconfitta per il Milan sarebbe "indolore", diverso invece il discorso per la Juventus che non può più sbagliare nonostante siano passate solo tre giornate. Allegri dovrà rinunciare a Kaio Jorge, De Sciglio e al lungodegente Arthur con Chiesa che recuperato dovrebbe partire dalla panchina. Diversi i forfait in casa Milan con Pioli che deve rinunciare a Calabria, Ibrahimovic, Messias, Bakayoko, Krunic e Giroud.

Le probabili formazioni:

Juventus: Szczesny, Danilo, de Ligt, Bonucci, Alex Sandro, Cuadrado, Locatelli, Bentancur, Rabiot, Dybala, Morata

Milan: Maignan, Florenzi, Kjaer, Tomori, Theo Hernandez, Tonali, Kessie, Saelemaekers, Brahim Diaz, Rafael Leao, Rebic

Football news:

Il PSG vede ad Adeyemi sostituire Mbappe. L'attaccante di 19 anni è anche Interessante per il Bayern, il Real Madrid e il Liverpool
Tuchel sulla Coppa di Lega: ogni torneo è importante, non diamo priorità. Chelsea gioca sempre per la vittoria
Miranchuk sembra un corpo estraneo. Sarebbe meglio lasciarlo andare in Russia. Il giornalista italiano sul centrocampista Atalanta
La priorità di Barcellona è la nomina di Klopp. Il suo contratto con il Liverpool - fino al 2024
Il Milan è pronto ad aumentare il salario di Theo di oltre il doppio-fino a 3,5 milioni di euro all'anno
Al-Sadd Xavi 34 partite non perde in campionato Qatar - è il record del club. Il record di campionato è 41 partite
Nagelsmann su Hernandez: è di buon umore, non sembra preoccupato per la prigione