Italy

Reddito di cittadinanza, la proposta dell’Inps: ridurre l’assegno per darlo a più famiglie

Nell’anno in cui il reddito di cittadinanza si è rivelato uno strumento fondamentale per tante famiglie in difficoltà a causa dell’emergenza Coronavirus, l’Inps individua alcuni elementi di questa misura che possono essere migliorati. In occasione della presentazione del rapporto annuale dell’istituto di previdenza, infatti, vengono messe in luce anche quelle che sono alcune debolezze del reddito di cittadinanza. Che lo stesso Inps vorrebbe migliorare. Si parla, difatti, di un progetto di riforma, accennato in parte anche dal presidente Pasquale Tridico. Si parte da un elemento ritenuto critico: bisogna allentare, secondo l’istituto, i requisiti patrimoniali, in modo da poter davvero raggiungere chi ne ha più bisogno.

La proposta dell’Inps per riformare il reddito di cittadinanza

Un eventuale aumento dei beneficiari, ovviamente, richiederebbe più risorse. O, in alternativa, un importo base più basso, per poter compensare in termini di costo l’allargamento della platea. Anche perché ridurre l’importo servirebbe a rendere meno disincentivante la ricerca del lavoro. Ancora, si pensa a un pieno computo del reddito da patrimonio, comprendendo l’abitazione di proprietà. Altra idea è quella di modificare la scala di equivalenza, rendendola più generosa per i nuclei con più figli a carico. Altra opzione al tavolo e proposta dall’Inps è quella di allentare i requisiti sugli anni di residenza necessari per accedere per gli extracomunitari.

L’Inps scrive chiaramente che bisognerebbe puntare alla “semplificazione dei requisiti e ad un possibile allargamento della platea dei potenziali beneficiari, così come è stato sperimentato con il Reddito di emergenza durante il periodo emergenziale. Nel ridisegno del RdC, e compatibilmente con le risorse disponibili, occorrerà anche affrontare la redistribuzione delle erogazioni in riferimento alla numerosità familiare. Tuttavia, questo intervento non potrà prescindere dalla possibile riforma dell'assegno unico, per evitare di ricreare altre sperequazioni tra nuclei familiari bisognosi di sostegno. Con l'insieme di queste correzioni si potrebbe superare (o attenuare) la gran parte dei limiti dell'attuale intervento”.

I dati sul reddito di cittadinanza

A ottobre sono 1,4 milioni i nuclei familiari e 3,4 milioni gli individui che beneficiano del reddito di cittadinanza, con un importo mensile medio superiore ai 500 euro. Il presidente Tridico spiega: “Il reddito di cittadinanza ha ridotto il coefficiente di Gini, che misura le disuguaglianze tra le persone, di 0,7 punti percentuali. Si tratta della maggior riduzione negli ultimi dieci anni. L'intensità della povertà si è ridotta di circa 6 punti percentuali, da 39% al 33% circa. Il dato più importante è il trasferimento netto, oltre 7 miliardi, che grazie al RdC va verso il decimo più povero della distribuzione. Per queste persone, il saldo tra tasse pagate e benefici ricevuti, che prima del RdC era nullo, oggi è pari a -20%”.

Football news:

L'ex presidente del Barça Laporta parteciperà alle nuove elezioni
Antonio Cabrini: Maradona sarebbe ancora vivo se giocasse per la Juventus. L'amore di Napoli è stato forte ma malsano
Ferguson sulla carità di Rashford: fantastico per un giovane. Questo è lui che dovrebbe darmi qualche consiglio
Giocatore di Preston, due volte потрогавшего avversario per i genitali, squalificato per 3 partite per il comportamento aggressivo
Direttore di Atalanta: Miranchuk va tutto bene, non ci sono sintomi di coronavirus
Covid deride il campionato di Lettonia: la squadra è uscito solo 8 persone (ma la partita non è ancora finito)
Gerard Piqué: speriamo tutti che messi rimanga nel Barça