Italy

S. Martino: a 103 anni morto di Covid. Liguria, 740 malati e 778 casi più di ieri | Bollettino

Coronavirus (foto di repertorio)

Genova, 23 ottobre. Sono 1680 i morti con coronavirus in Liguria, con un aumento rispetto a ieri di sette (uomini e donne da 67 a 103 anni).

Sono 9742 i positivi accertati finora e malati, con una diminuzione rispetto a ieri di 740 (i pazienti in terapia intensiva sono 33, con un calo rispetto a ieri di 1).

Sono 9938 i positivi accertati finora e guariti con due test consecutivi, con un aumento rispetto a ieri di 32.

I dati sono stati comunicati intorno alle 18 di oggi dai responsabili di Regione Liguria.

Liguria: 17 morti, 642 malati e 690 casi più di ieri. Terapie intensive in calo | Bollettino

In altre parole, Regione Liguria indica gli “attualmente positivi” e potenzialmente contagiosi. Significa che conteggia solo chi è stato accertato finora positivo al coronavirus (ospedalizzati + domiciliati + positivi clinicamente guariti = attualmente positivi), escludendo però dal computo chi è guarito sviluppando gli anticorpi e chi è deceduto.

La Protezione civile nazionale invece conteggia anche questi ultimi (ospedalizzati + domiciliati + positivi clinicamente guariti + guariti che hanno sviluppato gli anticorpi + deceduti = casi totali) che poi vengono pubblicati online pure dal Ministero della Salute.

Inoltre, è bene precisare che secondo il presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli: “avere un test sierologico positivo per gli anticorpi non esclude che in quel momento un soggetto possa essere infettante. È possibile infatti aver prodotto gli anticorpi, ma avere ancora in circolo il coronavirus e dunque essere ancora contagiosi. Per questo va fatto anche il tampone. Solo se questo esame è negativo si ha la certezza di non essere più contagiosi”.

Ecco il bollettino di oggi con tutti i dati ufficiali inviati da Regione Liguria al ministero della Salute.

Football news:

Diego Simeone: nelle tre partite in cui ci sono stati pareggi, abbiamo guadagnato di più
Conte sulla vittoria contro Gladbach:abbiamo battuto il leader del gruppo e siamo ancora vivi
Klopp sulla vittoria contro Ajax: una delle partite più importanti della Champions League nel mio tempo a Liverpool
Llorente sul pareggio con il Bayern: sentiamo rabbia e rabbia. Un rigore all'ultimo minuto lascia un sapore sgradevole
Jordan Henderson: consapevole dei problemi del Liverpool con gli infortuni, ma nello spogliatoio si sente l'unità
Liverpool e Porto sono usciti nei playoff di Champions League
La UEFA Champions League si è conclusa in 15 partite a causa di un pareggio contro L'Atlético