Italy

Salvini: riapriamo subito  le chiese per celebrare Pasqua, fondamentale anche la cura dell’anima

«Non vedo l’ora che la scienza e anche il buon Dio, perché la scienza da sola non basta, sconfiggano questo mostro per tornare a uscire. Ci avviciniamo alla Santa Pasqua e occorre anche la protezione del Cuore Immacolato di Maria». A «L’Intervista di Maria Latella» su Sky TG24 il leader della Lega Matteo Salvini torna a parlare della sua fede religiosa e avanza una richiesta: riaprire subito le chiese. «Sostengo le richieste di coloro che chiedono, in maniera ordinata, composta e sanitariamente sicura, di farli entrare in chiesa. Far assistere per Pasqua, anche in tre, quattro o in cinque, alla messa di Pasqua. Si può andare dal tabaccaio perché senza sigarette non si sta, per molti è fondamentale anche la cura dell’anima oltre alla cura del corpo. Spero che si trovi il modo di avvicinare chi ci crede. C’è un appello mandato ai vescovi di poter permettere a chi crede, rispettando le distanze, con mascherine e guanti e in numero limitato, di entrare nelle chiese come si entra in numero limitato nei supermercati. La Santa Pasqua, la resurrezione di nostro Signore Gesù Cristo, per milioni di italiani può essere un momento di speranza da vivere».

Sì al reddito di emergenza

Il leader della Lega poi ha affrontato i tanti temi legati all’emergenza virus. A partire da quelli economici. Il reddito di emergenza proposto dalla ministra Catalfo, per esempio, secondo Salvini «può essere utile adesso, perché adesso c’è il problema della spesa. Nell’immediato qualunque cifra entri nelle casse di famiglie e lavoratori che sono a casa da oltre un mese va bene, importante che non passi la mentalità che l’Italia da oggi in avanti sarà un Paese di assistenza, di redditi di cittadinanza ed elemosine». Ma accanto all’intervento immediato, il governo deve pensare anche ad altri interventi. «Tutti chiedono alla ripartenza burocrazia zero, un anno di pace fiscale per tutto il 2020, quindi stop alle cartelle esattoriali, agli avvisi bonari e agli accertamenti, e sospensione delle bollette fino a settembre. Sono tutti provvedimenti che possono essere coperti con garanzia totale dello Stato. Poi per ripartire azzeramento e reset, quindi pace fiscale e pace edilizia, si cancella l’arretrato e si riparte da zero».

«Draghi? L’Italia ha bisogno del meglio»

Volgendo lo sguardo al futuro, non necessariamente lontano, Salvini si sofferma sull’ipotesi di un coinvolgimento per la guida del governo dell’ex presidente della Bce Mario Draghi. «Per ricostruire economicamente e socialmente il Paese servirà il meglio dell’Italia, quindi perché no? Per ricostruire a virus sconfitto tutti dovranno essere coinvolti, però coinvolti alla pari. Draghi deciderà per sé stesso, io dico solo che l’Italia non avrà bisogno solo di una parte politica ma del meglio del nostro Paese». Il no è secco, invece, alla domanda su un utilizzo del Mes per la necessità di risorse del governo italiano. «Il Mes, semplificando, è come un furto e a me se il furto viene portato avanti a mano armata, con il coltellino, con il cloroformio o con una botta in testa non interessa. Non mi interessa se il furto ha delle lievi condizioni, se mi feriscono tanto o poco, ma rimane pur sempre un furto. Ogni euro che ci danno oggi dovrà essere restituito con interessi e sacrifici in via privilegiata al Mes. Questo fa rima con tassa patrimoniale, ulteriore precarizzazione del lavoro e aumento dell’età pensionabile», spiega il leader della Lega aggiungendo: «Abbiamo dato 58 miliardi e, se facciamo i bravi, accettiamo delle condizioni che saranno a carico dei nostri figli, ce ne danno indietro 36. Anche mia figlia capisce che c’è una fregatura».

Football news:

Madness a Francoforte: Eintracht 34 volte ha colpito il cancello, ma quasi perso (salvato 9 minuti prima del fischio)
Il Real Madrid ha esteso il contratto con Casemiro fino al 2023 (Marca)
Teddy Sheringham: Pogba ha bisogno di andarsene per il Manchester United per comprare qualcuno con la mentalità giusta
In Francia, 400 tifosi sono venuti a calcio illegale. Dopo il gol, hanno corso sul campo
Sulscher sul noleggio di Igalo: spero che possa completare quello che ha iniziato, forse vincendo il trofeo con il Manchester United
Mueller su Alfonso Davis: il corridore di Monaco ruba costantemente la palla all'avversario
Favre su 0:1 con il Bayern: il Borussia meritava un pareggio