Italy

Salvo Veneziano e la domanda che ha fatto infuriare Crisitina Plevani: ecco perché lei ha ragione e i ‘salviveneziani’ dovrebbero imparare a farsi i ca**i propri

Ieri Madonna, Miss Ciccone ha scritto su Instagram di fregarsene dei commenti su una sua foto seminuda: "Mi sono appena laureata col massimo dei voti all'università del "ca**o che me ne frega"". Nessuno sa dove si trovi esattamente questo college ma leggenda vuole che si trovi a pochi passi da un altro istituto importante e blasonato: l'università dell'imparare a farsi i ca**i propri e a tenere la bocca chiusa

Come mai non ti sei ancora fatto una famiglia?“. “Oggi i figli si fanno tardi“. In queste due frasi, sentite e risentite, si racchiude una contraddizione bene evidente. Tra la domanda e l’affermazione c’è però una differenza siderale: la seconda è certamente vera, almeno per quanto riguarda il nostro Paese. La prima è uno scintillante esempio del non sapersi fare i ca**i propri, di una totale mancanza di tatto, di educazione e pure di intelligenza emotiva. Salvo Veneziano (sempre lui, che però dicono debba essere giustificato anche quando dice cose irripetibili su come si tratta una donna perché “non ha studiato ed è una brava persona”) ha chiesto a Cristina Plevani, ex ‘collega di Grande Fratello’ edizione uno (quando la vita era più facile e si potevano mangiare anche le fragole), come mai a 50 anni non si sia ancora fatta una famiglia.

Lo ha fatto durante una diretta Instagram con Marina La Rosa. Plevani si è (giustamente) inca**ata e ha detto che risponderà come si deve quando toccherà a lei essere ospite di Marina (). Salvo Veneziano è il villain, il cattivo della storia? Potrebbe impersonare questa parte ma la domanda che ha fatto lui (ghignando, come si vede nel video sotto: forse folletto gli stava facendo solletico al piede? Che c’era da ridaccchiare?) è di quelle che in molti si sentono fare diverse volte, superati i 35 anni. E a porre questa domanda (“ma quanto metti su famiglia?”), non è soltanto la zia di provincia che lascia il divano coperto di cellophane, casomai dovesse sedersi qualcuno. E non è solo il pizzaiolo del Grande Fratello o l’amico del liceo un po’ ingenuo. Ci sono ex compagni di scuola e zie che non si sognerebbero mai di chiedere una cosa così. E ci sono invece datori di lavoro “che hanno studiato” ma la domanda instant classic la fanno eccome perché vedono gli essere umani sopra i 35 anni ma senza famiglia come probabili bombe a orologeria pronte ad accogliere il primo figlio da un momento all’altro. Warning, non oltrepassare la linea gialla: soprattutto se donne, meglio non rischiare un indeterminato. Che poi, oggi come oggi, il “rischio” si protrae per diversi anni: secondo Istat il primo figlio si fa a un’età media di 32 anni. Il che implica che molte donne diventino madri superati i 40 anni, e nemmeno di poco. Il datore di lavoro chiede. E chiede il conoscente che si incontra per strada, come parlare del meteo. A fare questa domanda può essere chiunque, non solo un salvoveneziano qualsiasi “perché è ignorante”. Come se l’ignoranza, poi, fosse per forza foriera di volgarità, maleducazione, malevolenza. È una domanda, questa, che va di moda ogni anno dal Carbonifero, come le hit latin, e e che non si riferisce solo ai figli ma anche alla mancanza di un compagno o di una compagna. “Perché non hai una famiglia?”. Come a dire: “Non hai trovato qualcuno con cui stare, come mai, qual è il tuo problema?” Nessuno. Il problema, l’unico, è chi ancora chiede cose così nel 2020. Non ci sono giustificazioni che tengano e non ci dovrebbe essere bisogno di tornarci sopra. Ma la tv, come i social, raggiungono molte persone. Ecco perché sottolineare in rosso l’errore è doveroso. L’essere soli, il non avere figli sono, come dire, “ca**i privatissimi”. Si tratta della parte più intima di un individuo e i motivi per cui una persona è da sola o non ha figli possono essere esito di scelte consapevoli, implicazioni del corso della vita che va a zonzo senza seguire sentieri standard o il risultato della dolorosa impossibilità di scegliere. Così come nessuno si sognerebbe mai di chiedere “perché sei così stupido?” o “perché il primo stronzo che passa per strada è più brillante di te?” (sarebbe molto maleducato e metterebbe in difficoltà l’interlocutore, no?), la domanda evergreen “come mai noi hai ancora una famiglia?” va ricacciata in gola. Ieri Madonna, Miss Ciccone (che ultimamente ne azzecca sempre meno ma va perdonata, una delle più grandi popstar di tutti i tempi può fare quel che le va) ha scritto su Instagram di fregarsene dei commenti su una sua foto seminuda: “Mi sono appena laureata col massimo dei voti all’università del “ca**o che me ne frega“”. Nessuno sa dove si trovi esattamente questo college ma leggenda vuole che si trovi a pochi passi da un altro istituto importante e blasonato: l’università dell’imparare a farsi i ca**i propri e a tenere la bocca chiusa. In questa seconda i posti sono illimitati. Affrettatevi, su, salviveneziani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Sandra Milo riprende lo sciopero della fame: “Giuseppe Conte mi ha promesso che mi avrebbe richiamata ma non l’ha ancora fatto, forse lo farà lunedì”

next

Articolo Successivo

Vittorio Brumotti dopo l’aggressione: “Lo faccio per vocazione. Come la fede per i preti”

next

Football news:

Lineker sulla decisione CAS di Man City: è difficile sapere cosa accadrà alle regole della FFP dopo tale
Una vacanza intensa Holand: prima con suo padre ha segato gli alberi, poi ha litigato con la guardia in un night club
Tebas sulla partecipazione di Man City alle competizioni europee: il CAS non soddisfa gli standard di arbitrato
Bartomeu about VAR nella Liga: una serie di decisioni sono state prese a favore di uno dei nostri rivali
Man City ha vinto la UEFA: il divieto di coppa europea è stato annullato, la penalità è stata ridotta
Jorge Valdano: se il Real Madrid batte Granada, prende la Liga
Josep Bartomeu: messi rimarrà a barca anche dopo la fine della carriera