Italy

Sanremo 2021, i voti ai capelli di cantanti e ospiti: meravigliosa Elodie, delude Madame

Un Festival di Sanremo diverso dal solito, senza pubblico in sala e con un Fiorello che ricorda ad ogni occasione le regole di distanziamento e igiene che ormai tutti conosciamo. Tra cantanti esordienti e duetti consolidati l'attenzione si è concentrata anche sui beauty look, dai meravigliosi colpi di testa come quello di Francesca Michielin che ha abbandonato i suoi lunghi capelli al raccolto in stile manga indossato da Elena Faggi. Ecco le acconciature top e flop che abbiamo visto sul palco dell'Ariston.

Le acconciature più belle sul palco dell'Ariston

Francesca Michielin: voto 9

Sul palco dell'Ariston Francesca Michielin ha sfoggiato un nuovo taglio di capelli: abbandonati i lunghi capelli castani con cui siamo abituati a vederla, a Sanremo ha esordito con il caschetto più amato di sempre, il bob, indossato nella versione wet con scriminatura laterale. Il blunt cut della Michielin ha una linea netta e pulita, declinato in una versione sbarazzina con le punte pettinate verso l'alto, ispirate ai look delle dive della musica degli anni '50 e '60.

Elodie: voto 9

Meravigliosa ed elagantissima nel suo abito rosso fiammante firmato Versace, il primo look dell'ospite protagonista della seconda serata è stato uno chignon ordinato ed elegante, con una piccola ciocca ribelle che invece di essere fermata nel raccolto sfugge ad arte dallo chignon, rendendolo più sbarazzino e originale. Un look semplice ma non banale con un tocco di estrosità che l'ha resa ancora più bella. Cambio d'abito e di acconciatura: abbandonato lo chignon la cantante si è esibita con una coda di cavallo alta e capelli lunghissimi, con un hair look che ha regalato ancora più sensualità e magneticità a Elodie.

Alessia Bonari: voto 9

Meravigliosa nella sua semplicità, l'infermiera simbolo della prima ondata di Covid ha calcato il palco di Sanremo con un hair look minimal ed essenziale con un capello dalla piega perfettamente liscia e ordinata, con una scriminatura centrale che esalta la sua bellezza naturale e i suoi lineamenti perfetti: un look in linea con la sua figura che è stato in grado di renderla ancora più radiosa.

Noemi: voto 8.5

Radiosa e bellissima, Noemi è apparsa sul palco dell'Ariston in splendida forma: radiosa nel suo abito firmato Dolce & Gabbana tempestato di cristalli Swarovski e ricamato con lavorazioni crystal mesh realizzate a mano, per l'hair look della prima serata ha scelto un liscio perfetto e scriminatura centrale, nel suo iconico colore ramato. Un look che si abbina perfettamente all'outfit appariscente, giocando con il contrasto della semplicità.

Gaia: voto 8

Uno dei look con capelli lisci più bello visto sul palco dell'Ariston. Un caschetto che supera appena la linea della mandibola, con punte pari e geometriche valorizzato da uno styling morbido e curato in ogni dettaglio, senza ciocche spettinate nè baby hair ribelli che spesso rovinano i look puliti rendendoli disordinati. Non passa inosservata poi la lucentezza della chioma con capelli effetto specchio, che valorizzano ancora di più il beauty look della giovane cantante.

Victoria De Angelis: voto 8

Rock e sbarazzina, anche sul palco dell'Ariston la cantante dei Maneskin ha sfoggiato un hair look che esalta la sua personalità: per Victoria sono state realizzate delle flat waves che creano un movimento leggero ma definito sulla chioma ramata, impreziosita da una frangia lunga e sbarazzina che sottolineare il suo sguardo smagnetico.

Arisa: voto 7

Arisa ha portato sul palco dell'Ariston un'intera palette di rossi e un'acconciatura degna di Anna Oxa: capello nero con ciocche a contrasto bionde, frangia sbarazzina e lunghezze raccolte in una coda bassa e racchiusa in un cilindro metallico. Un'acconciatura che su Twitter è stata definita perfetta per nascondere le doppie punte, ma che ha tutta l'aria di diventare un trend capelli per la prossima primavera – estate.

Laura Pausini: voto 7-

Ha appena vinto un Golden Globe, ma al Fesival di Sanremo il suo hair look non convince del tutto. Bello lo stlying, creato con onde piatte concentrate sulle lunghezze e sulle punte con una scriminatura centrale perfetta e precisa, ma il colore di capelli appare troppo chiaro e ramato per la sua carnagione rosata. Promossa con riserva, da rivedere la sfumatura di colore.

Orietta Berti: voto 6

Il suo iconico taglio corto e voluminoso non la abbandona neanche sul palco dell'Ariston: l'acconciatura che caratterizza da sempre il look della cantante romagnola, con una frangia sfilata e leggera, con qualche ciocca più lunga ai lati del viso che incornicia lo sguardo e cotonatura al centro della testa per creare volume. Un look classico che la cantante riconferma anno dopo anno, senza discostarsi troppo dalle linee pulite.

Gli hair look bocciati a Sanremo

Matilda de Angelis: voto 6-

Co-conduttrice al fianco di Sanremo durante la prima serata e protagonista indiscussa sul palco dell'Ariston è apparsa bellissima e radiosa, ma per i capelli i look sono un flop. Dalla piega leggermente mossa che sembra spettinata alla coda morbida con ciuffi frontali, fino al raccolto con lo chignon disordinato. Tre acconciature che abbinate agli outfit spettacolari e alla sua bellezza disarmante son risultate troppo semplici e banali.

Elena Faggi: voto 5

Un po' manga un po' trend già visto: Elena Faggi a Sanremo ha indossato un semi raccolto con un double bun abbinato a capelli sciolti e ricci. Uno styling che non è passato inosservato, come il suo abito argento che ha scatenato l'ironia social, ma che ha fatto storcere il naso a molti: il suo sguardo angelico sarebbe stato forse valorizzato meglio se i suoi ricci fossero stati lasciati sciolti e ribelli.

Annalisa: voto 5

Un look già visto e rivisto: i capelli della cantante sono sciolti che ricadono sulle spalle, con un leggerissimo movimento sulle lunghezze e scriminatura laterale molto bassa: lei è sempre bellissima ma dal suo beauty look ci aspettavamo qualcosa di diverso, un tocco di originalità che esaltasse al meglio la sua bellezza.

Malika Ayane: voto 4.5

Sul palco dell'Ariston la cantante ha sfoggiato il suo colore biondo platino raccolto in uno styling che ricrea una cresta centrale che appare arruffata e disordinata. I capelli sono poi fermati da forcine scure che sembrano un accessorio al posto sbagliato invece che un elemento di tendenza, mentre sulla fronte prendono vita i baby hair ribelli.

Madame: voto 4.5

La giovanissima cantante ha esordito sul palco dell'Ariston con un outift luccicante firmato Dior che ha attirato l'attenzione insieme alla sua voce, mentre il suo beauty look lascia a desiderare, dal make up ai capelli. La chioma curly è stata pettinata con la scriminatura centrale molto basica, ma nell'insieme l'acconciatura scelta invecchia drasticamente la 19enne.

Greta Zuccoli: voto 4.5

La seconda esordiente sul palco dell'Ariston durante la seconda serata lascia a desiderare per il suo hair look: il solito capello liscio e sciolto con la scriminatura centrale non è nè liscio perfetto nè strutturato con onde sinuose e sembra quasi spettinato, con due ciocche piatte e senza volume fissate dietro le orecchie.

Coma Cose: voto 4

Francesca dei Coma Cose ha osato, forse un po' troppo, con un mullet esagerato: nella parte alta della testa i capelli sono cortissimi, quasi a richiamare un buzz cut, mentre nella parte della nuca i capelli sono extra long e arrivano alle spalle. Lascia in dubbio anche il colore, giallo paglierino che non dona particolarmente alla sua carnagione.

Football news:

Presnel Kimpembe: sarà un grande successo battere il Bayern, perché è la migliore squadra D'Europa
Mauricio Pochettino: il Bayern è il miglior club del mondo al momento. Può succedere qualsiasi cosa
Gagarin amava molto lo sport: giocava a pallanuoto, hockey, pallavolo e non solo
Ibrahimovic ha infranto le regole anticovide. Ha pranzato con Abate e altre due persone in un ristorante
Thomas Tuchel: probabilmente Porto in un certo senso è più facile - hanno una sfida chiara, tre gol. Il Chelsea potrebbe trovarsi in una posizione poco invidiabile
Son Hyun Min ha subito insulti razzisti dopo la partita contro il Manchester United
Sonny è fortunato che suo padre sia migliore di Ole. Mourinho e Sulscher hanno battuto a causa della caduta di Sona