This article was added by the user Anna. TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Serie A: l'Inter riprende a correre con Dimarco e D'Ambrosio

L'Inter batte l'Empoli 2-0 al Castellani e riprende la rincorsa a Napoli e Milan, staccando ulteriormente la Juventus. Nerazzurri che si confermano assoluto tabù per i toscani. Protagonisti gli esterni con le reti di chi non ti aspetti: D'Ambrosio e Dimarco (un ex). Il primo tempo porta assolutamente la firma di D'Ambrosio: il difensore campano prima rischia il rigore su Bajrami e, poco dopo, recupera il pallone sulla trequarti, andando a segnare di testa su assist di Sanchez. Ma per l'Inter non è stato tutto così semplice. Come da qualche partita a questa parte, la squadra di Andreazzoli ha approcciato molto bene il match con tanta corsa e pressing alto. La cronaca

Operazione sorpasso riuscita. Grazie al bel gol di Pedro in avvio di ripresa la Lazio piega una Fiorentina viva solo a tratti, salendo a 17 punti, mentre i viola incassano la quinta sconfitta e restano a 15. Ciro Immobile puntava ad eguagliare le 159 reti in biancoceleste di un mito come Silvio Piola. L'aggancio è rimandato, ma Maurizio Sarri può gioire lo stesso perché la sua squadra ha mostrato di aver metabolizzato in fretta un momento difficile, consentendogli di festeggiare degnamente la 200/a panchina in serie A. La cronaca

La Roma ritorna al successo dopo due sconfitte (una in Europa) e un pari. Non vinceva fuori casa da due mesi, ma, contro un Cagliari a pezzi tra classifica e infortuni (non ce l'ha fatta nemmeno l'ex Strootman) la squadra di Mourinho (in tribuna per il rosso col Napoli) non ha avuto vita facile. Sotto di un gol per la prima rete stagionale di Pavoletti, i giallorossi hanno agguantato il pari con Ibanez di testa. E poi vinto grazie a un prodigio su punizione di Pellegrini. Un successo che consente ai giallorossi di difendere il quarto posto dall'attacco di Lazio e Atalanta. Ma che, per il successo dell'Inter a Empoli, non basta per conquistare il terzo posto. La cronaca