Italy

Siviglia-Roma 2-0: spagnoli troppo forti, i giallorossi salutano l'Europa

DUISBURG – Finisce subito l’avventura tedesca di Europa League per la Roma. Sul campo neutro di Duisburg infatti, i giallorossi vengono superati per 2-0 dal Siviglia che adesso affronterà ai quarti la vincente del match tra Wolves e Olympiacos. Un successo meritato quello degli spagnoli che la chiudono nel primo tempo grazie ai gol di Reguilon ed En-Nesyri. Nella ripresa timida reazione della Roma che però non impensierisce mai la difesa iberica.

La diretta della partita

Reguilon sblocca il risultato

Lopetegui nel suo 4-3-3 schiera il tridente formato da l’ex genoano Ocampos, En-Nesyri e l’ex milanista Suso. Fonseca invece davanti si affida a Dzeko, supportato da Mkhitaryan e Zaniolo. Dopo una piccola fase di studio, il Siviglia prende subito possesso della metà campo giallorossa imbastendo interessanti azioni offensive. Pau Lopez prima neutralizza con facilità un tiro di En-Nesyri e poi è molto bravo su un gran destro di Ocampos. Al minuto 12, dopo uno dei tanti corner spagnoli, Koundè di testa prende la traversa. La Roma soffre e quando potrebbe ripartire controlla male la sfera non sfruttando i tanti buchi che la difesa iberica concede. Così si arriva al 22′: cambio campo di Banega con Reguilon che controlla a sinistra e velocissimo si accentra e penetra in area beffando Pau Lopez con un sinistro non irresistibile per l’1-0 del Siviglia. Dopo un’altra chance non concretizzata da Jesus Navas, si vede finalmente la Roma ma Diego Carlos si immola e salva su Zaniolo.

Raddoppia En-Nesyri, Roma troppo timida

Nel finale del primo tempo gli spagnoli raddoppiano: Dzeko viene fermato con le cattive ma senza fallo secondo l’arbitro, riparte il Siviglia con Ocampos a destra che salta con facilità Ibanez e penetra in area, Pau Lopez esce e arriva l’assist per En-Nesyri che a porta vuota insacca. A inizio ripresa sembra intravedersi una reazione della Roma con un tentativo da fuori di Mkhitaryan. O come quando Koundè è decisivo nel murare Cristante. Ma i giallorossi in realtà finiscono qui perché non inquadrano mai la porta, mentre il Siviglia quando attacca fa male e Banega in mezzo al campo è un gigante. Fonseca tenta di cambiare qualcosa con Carles Perez e Pellegrini al posto di Diawara e Zaniolo, oggi davvero in ombra. Ma cambia poco perché il Siviglia torna a dominare con Pau Lopez che dice di no a Ocampos. Al 73′ Koundè realizza il 3-0 ma il gol viene annullato per fuorigioco, anche dopo un lungo check Var. Nel lungo recupero Banega su punizione prende la traversa, la seconda del match per i suoi, mentre Mancini si fa cacciare per un fallo su de Jong. Dopo cento minuti totali la Roma saluta l’Europa.

Siviglia-Roma 2-0 (2-0)

Siviglia (4-3-3): Bounou; Jesus Navas, Koundé, Diego Carlos, Reguilon; Banega, Fernando, Jordan; Suso (22′ st Munir), En-Nesyri (48′ st L. de Jong), Ocampos (51′ st Vazquez). (1 Vaclík, 31 Sanchez, 3 Sergi Gomez, 18 Escudero, 21 Oliver Torres, 26 Mena, 28 José Alonso, 36 Genaro, 40 Perez Rico). All.: Lopetegui


Roma (3-4-2-1): Pau Lopez, Mancini, Ibanez, Kolarov (33′ st Villar), Bruno Peres, Diawara (12′ st Carles Perez), Cristante, Spinazzola, Zaniolo (12′ st Pellegrini), Mkhitaryan, Dzeko. (45 Cardinali, 83 Mirante, 8 Perotti, 17 Cengiz Under, 18 Santon, 19 Kalinic, 20 Fazio, 61 Calafiori, 99 Kluivert). All.: Fonseca
Arbitro: Kuipers (Ola). Reti: nel pt 22′ Reguilon, 44′ En-Nesyri
Angoli: 10-3 per il Siviglia
Recupero: 3′ e 10′
Espulso: Mancini al 53′ st per gioco violento (fallo su de Jong)
Ammoniti: Kolarov, Diego Carlos, Jordan per gioco scorretto, Pellegrini per proteste.

Football news:

L'Inter si è avvicinato alla Juve, ma è improbabile che vinca la serie A. Ci sono problemi con la difesa e il sistema Conte
Sané salterà circa due settimane a causa di un infortunio al ginocchio
Rostov rifiuterà L'offerta di Jenoa su Shomurodov, poiché vuole più di 8 milioni di euro (se)
Mendes ha guadagnato circa 20 milioni di euro per la finestra di trasferimento estivo
Carragher di Arsenale: Liverpool per parecchi anni a venire, ma Arteta può dedurre in Champions League
Roma è la favorita nella lotta per Jović. Il Real Madrid ha suggerimenti da Inter e Milano
Ruben Diash è arrivato a Manchester per completare la transizione a City