Memoriali in Brasile, Perù, Colombia e Argentina

Quasi cinque milioni le vittime provocate dalla pandemia di Coronavirus nel mondo. Con un bilancio di quasi 93 milioni di casi confermati e oltre 2 milioni e 280mila morti, l’America Latina si conferma la regione più martoriata. Oltre 600mila vittime sono state registrate in Brasile. A Rio de Janeiro è stato inaugurato un memoriale chiamato “In-finito”, una struttura in metallo nero, con sopra incisi i nomi di tutte le vittime, posta davanti il cimitero di Caju, a fianco al crematorio. A Bogotà, in Colombia, nella Riserva Naturale El Pajonal de Cogua, sono stati conficcati al suolo alcuni paletti con i volti delle vittime, a scopo commemorativo. Un’iniziativa simile è stata presa in Perù, dove le foto degli operatori sanitari uccisi dal virus sono state appese sulle ringhiere di due ospedali di Lima. Le commemorazioni non sono mancate anche in Argentina: a Buenos Aires, accanto al monumento equestre dedicato al generale Manuel Belgrano, sono state collocate delle pietre, con sopra incisi i nomi delle vittime.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata