Italy

Tra code e dispenser, in chiesa come in aeroporto

Le campane suonano a festa, le messe si moltiplicano, tante sono all'aperto. Per molti sacerdoti è la Pasqua. Le celebrazioni sono nuovamente aperte al popolo da lunedì 18 maggio, ma ieri è stata la prima domenica con messe partecipate massicciamente da fedeli. Messe nel rigoroso rispetto delle misure e delle indicazioni sanitarie. «Va bene lo streaming, va bene internet, va bene facebook, ma le messe dal vivo sono un'altra cosa dice un parroco di Roma l'amore per Dio è dal vivo». «Buona Pasqua, oggi per noi è Pasqua, dopo 70 giorni di digiuno eucaristico», gli fa eco un altro sacerdote.

I volontari accolgono i fedeli all'ingresso delle porte, rigorosamente aperte per far arieggiare l'ambiente. Gel igienizzante prima di sedersi nei posti segnati: due per banco, a scacchiera, per mantenere le distanze di un metro l'uno dall'altro. Mascherine obbligatorie, guanti facoltativi. L'acquasantiera è vuota, l'atmosfera è surreale. Niente strette di mano, la gente si saluta con lo sguardo, con un sorriso coperto dalla mascherina.

Il sacerdote non pronuncia la frase «Scambiatevi un segno di pace»: il momento viene saltato, resta solo un cenno con la testa. Poi arriva il momento più delicato, quello della comunione. Il celebrante fornisce le indicazioni da seguire: si rimane a posto oppure si segue il percorso obbligato segnato a terra, si tolgono i guanti per chi le indossava e si riceve l'ostia sul palmo della mano. Poi si abbassa la mascherina e si prende il corpo di Cristo, dopo essersi allontanati dal sacerdote che, prima di distribuire l'eucarestia, si igienizza rigorosamente le mani.

Niente offerte; nessun volontario passa tra i banchi della chiesa per l'elemosina. «Sarà una grossa perdita per tutte le nostre parrocchie», dice un sacerdote. «Noi abbiamo messo una cesta all'uscita della chiesa e chi vuole può contribuire alle nostre spese, che in questo tempo di coronavirus sono aumentate».

Il numero dei partecipanti alla messa è, ovviamente, limitato. Un massimo di 150-200 fedeli per le chiese più grandi.

E c'è anche chi la messa la celebra all'aperto, per consentire una maggiore partecipazione. Come al Santuario del Giuncheto, a San Polo, piccola frazione alle porte di Arezzo. «Ieri mattina eravamo una cinquantina racconta uno dei volontari del Santuario è stato un bel momento comunitario, di festa. Contenti di poter riprendere le celebrazioni». O alla Garbatella, a Roma, dove si comincia con un bell'applauso. «Chi ha mancato la messa in questo lockdown non ha fatto peccato, perché il precetto era sospeso», spiega il parroco. Anche a Firenze la messa si celebra all'aperto, sul sagrato di Santa Croce è padre Bocci a presiedere. A Milano c'è anche chi misura la temperatura all'ingresso (non è obbligatorio per le chiese), come nella Basilica di San Babila. E al termine della messa, subito i volontari in azione per sanificare l'ambiente. Prima dell'inizio di una nuova messa. È tornata a ravvivarsi anche San Pietro, con il Papa che si è affacciato per salutare i fedeli. Francesco lo aveva già fatto durante questo periodo di lockdown, in una piazza vuota. Ieri decine di pellegrini si sono radunati nella piazza, ben a distanza. Le misure da osservare non sono poche, ma per i fedeli tornare a messa è pur sempre una festa.

Football news:

Abraham ha soddisfatto le condizioni per il rinnovo automatico del contratto con il Chelsea fino al 2023
Il candidato alla presidenza di barca Font ha dichiarato che Javi guiderà il club in caso di sua elezione: non possiamo contare su Sethien in futuro
Allie non giocherà con L'Arsenal a causa di un infortunio
Jose Mourinho: credo che il Tottenham possa vincere i trofei davanti a me
Pep Guardiola: il secondo posto nella Premier League è più importante della vittoria nelle coppe Inglesi
Il campione del mondo del 1966 Jack Charlton è morto all'età di 85 anni
Vendita intelligente dei biglietti in Polonia: i coinquilini si siedono accanto, la stazione sociale viene creata automaticamente, la frequenza aumenta del 20%