Italy

Una nota azienda dolciaria ha denunciato la mafia

Leggi anche

Pfizer condannata per un farmaco contro il Parkinson che causa ludopatia e ipersessualità Cronaca

Pfizer Italia è stata condannata a risarcire un uomo al quale il Cabaser, un farmaco prodotto dalla nota azienda, ha causato ludopatia e ipersessualità

Incidente auto Cronaca

Una ragazza di 19 anni, Elisa Girolametto, è morta ad Altivole mentre si recava a lavoro: la sua auto è uscita di strada, incendiandosi dopo lo schianto.

Un'etichetta "Petti" Cronaca

Petti, sequestro della salsa di pomodoro confermato dal gip: “Spacciato per italiano, ci sono robuste conferme e un ricco quadro indiziario”

Napoli compleanno battesimo villa Cronaca

Musica ad alto volume, poche mascherine e nessuna distanza: così cento persone stavano festeggiando a Napoli un compleanno e un battesimo in villa.

Articoli Correlati

Rita di Giovacchino Cronaca

Covid, morta la giornalista Rita di Giovacchino: aveva 74 anni. Dal caso Moro alle stragi di mafia e ai processi ad Andreotti, lei era sempre sul pezzo

Mattarella mafia la torre Politica

Ricordando l’assassinio di La Torre e Di Salvo per mano della mafia, Mattarella invita a consolidare una coscienza pubblica che ripudi la violenza.

Mafia ex killer Avola Cronaca

L’ex killer e collaboratore di giustizia Maurizio Avola ha ripercorso gli istanti che hanno preceduto la strage di via D’Amelio. “Posso dire che c’ero”.

Polizia Cronaca

A Bari sono state arrestate 99 persone appartenenti al clan Strisciuglio, per droga ed estorsione. Ecco i nomi.

'Ndrangheta arresti Bergamo Cronaca

Le forze dell’ordine hanno eseguito 13 arresti a Bergamo ai danni di soggetti accusati di essere legati ad un sodalizio della ‘Ndrangheta.

Nicolino Grande Aracri Cronaca

Nicolino Grande Aracri, uno dei boss più potenti della ‘Ndrangheta, ha iniziato il percorso di collaborazione con la giustizia.

Il patron dell'azienda dolciaria Condorelli, Giuseppe Condorelli ha denunciato il "pizzo", dopo essere finito nel mirino della criminalità organizzata.

Condorelli pizzo

Giuseppe Condorelli, patron della nota azienda dolciaria Condorelli e conosciuto all’unanimità come il “re dei torroncini”, ha denunciato la mafia dopo essere stato vittima diverse volte di minacce per estorsione da parte del noto clan Santapaola Ercolano. Stando a quanto dichiarato dallo stesso Condorelli in un’intervista al quotidiano Repubblica rilasciata martedì 4 maggio 2021, le minacce risalgono a 2 anni fa e precisamente a marzo 2019.

In quell’occasione la mafia gli recapitò presso lo stabilimento una bottiglia di alcool e un messaggio dal significato inequivale: “cercati un amico buono” le parole del messaggio. Nel frattempo stando a quanto sono stati circa 40 gli arresti dei quali dieci soggetti si troverebbero ai domiciliari. 

Condorelli pizzo – la denuncia del “re dei torroncini”

Un tentativo di estorsione fortunatamente finito male quello nel quale è stato coinvolto il “re dei torroncini” Giuseppe Condorelli che grazie alla sua denuncia ha condotto all’arresto 40 persone di cui 10 agli arresti domiciliari.

Lo scorso marzo del 2019 Giuseppe Condorelli ha subito da parte del noto clan Santapaola Ercolano. Da qui l’indagine da parte delle Forze che ha portato alle intercettazioni telefoniche che hanno scoperchiato un vero e proprio vaso di pandora con diversi risvolti importanti. 

Condorelli pizzo – il risultato delle intercettazioni 

Tra le molte scoperte che sarebbero fatte nel corso delle indagini riguarderebbero i tentativi di minaccia ai danni di un noto personaggio.

Tuttavia, al fine evitare di finire nell’occhio del ciclone e nel mirino delle autorità, il clan avrebbe deciso di abbandonare ogni precedente piano. Dietro i piani della criminalità organizzata ci sarebbero stati traffici illeciti di sostanze stupefacenti. 

Condorelli pizzo – il racconto di Giuseppe Condorelli 

“Non ricevevo intimidazioni da tempo, perché questa non è la prima volta. Già in passato, anche quando c’era mio padre a capo dell’azienda, abbiamo ricevuto minacce, ma non ci siamo mai piegati”, questo il racconto del patron dell’azienda dolciaria Condorelli che a “La Repubblica” ha raccontato gli aspetti più salienti della sua vicenda. Tra questi in particolare di aver avuto paura pur sentendosi al contempo sollevato per l’esito delle indagini. 

A tal proposito Giuseppe Condorelli ha dichiarato: “Ho una moglie, dei figli. Ma la paura fa parte delle mie responsabilità di imprenditore perché credo che se vogliamo cambiare l’immagine di questa meravigliosa terra dobbiamo avere il coraggio di cambiare noi stessi”.

Football news:

Cantona sulla APL Hall of Fame: tutti gli altri sono grandi e io sono eccezionale! Sarei sorpreso se non fossi stato scelto
Benzema chiamerà la Nazionale francese a Euro 2020. Non ha giocato per la squadra 6 anni (Le Parisien)
Cantona è il terzo giocatore che è entrato nella hall of Fame DELL'APL. I primi due - Shearer e Henri
Walcott ha firmato un contratto con Southampton fino al 2023
La Juventus ha presentato una nuova forma di casa per la stagione 2021/22
Lobanovsky ha inventato una salita mortale. Quasi tutti vomitavano. Chi non ha vomitato è uscito nel cuore. Andrei Shevchenko ha scritto un'autobiografia
Klose può guidare la fortuna di Düsseldorf