biglietto di ingresso da record

Una 26enne ha utilizzato un biglietto appartenente alla prozia e datato 1983 per l’ingresso all’acquario di Boston ed è stato accettato. Il racconto è virale

Ha utilizzato un biglietto di ingresso acquistato da una sua parente nel 1983 e mai utilizzato per accedere ad un acquario. Il curioso episodio è avvenuto all’ingresso del New England Aquarium di Boston, che ha accettato il biglietto presentato dalla 26enne Rachel Carle e ricevuto dalla sua prozia Catherine Cappiello, la quale oltre 37 anni prima di recò a visitare l’acquario. Come riportato dal Boston Herald la donna ed il compagno entrarono non molto tempo prima dell’orario di chiusura: per questo entrambi ricevettero un biglietto per l’uscita tardiva che consentiva di effettuare, in qualsiasi momento, una seconda visita. La donna, che vive a trenton nel New Jersey, lo ha regalato a Carle lo scorso autunno prima che la giovane, iscritta all’università di Harvard, guidasse da Washington a Boston per recarsi ai corsi universitari. E la 26enne, dato che sul biglietto è scritto espressamente che avrebbe potuto essere usato in qualsiasi momento nel futuro, ha provato a presentarlo all’ingresso, entrando.

LEGGI ANCHE =>> Scoperto pesce da record nella barriera corallina: è anziano quanto l’uomo, ha 81 anni

La ragazza ha mostrato il biglietto su Twitter

Vikki Spruill, presidente e CEO di Aquarium, ha dichiarato che i biglietti per l’uscita tardiva sono stati sospesi circa 25 anni fa ma che ogni tanto ne vedono ancora qualcuno, con una media di un biglietto l’anno. “Onoriamo ogni biglietto d’ingresso valido e quello presentato da Carle lo era”, ha dichiarato. “Quarant’anni sono tanti per riuscire a conservare intatto un biglietto e siamo così contenti che lo abbia fatto”. La ragazza ha pubblicato su Twitter una foto del biglietto leggermente logo ai bordi ma ancora perfettamente leggibile. Il New England Aquarium è una delle attrazioni più famose di Boston e un istituto di ricerca. Ha chiuso temporaneamente due volte nel 2020 a causa delle restrizioni legate alla pandemia di Covid e ha riaperto ai visitatori a febbraio 2021.