Porto (Portogallo), 7 mag. (LaPresse) – Nel valutare la deroga ai brevetti sui vaccini ci sono due ulteriori problemi che dovranno essere affrontati affinché la proposta si possa considerare realistica: la sicurezza della produzione e l’incredibile complessità del processo produttivo. Lo ha sostenuto, a quanto si apprende, il premier Mario Draghi , durante la cena di lavoro dei leader Ue stasera al Palacio de cristal di Porto, dove domani si terrà un vertice informale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata