Italy

Vaccini, Ecdc ed Ema: ‘Efficaci su Delta, mancano dati sulla terza dose. Consigliabile ridurre intervallo tra richiami per vulnerabili’

In una nuova nota congiunta l'Agenzia europea del farmaco (Ema) e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) ribadiscono l'efficacia dei sieri approvati in Ue e l'importanza delle due dosi. L'Oms chiede di posticipare la somministrazione della terza per consentire che venga immunizzato "almeno il 10% della popolazione di ogni Paese" del mondo

Sì alla vaccinazione con due dosi per tutte le persone ritenute idonee all’immunizzazione, anche perché tutti i sieri approvati finora nell’Unione europea contro Sars-Cov-2 si sono rivelati efficaci contro la variante Delta. Finché il virus continuerà a circolare, però, “continueremo a vedere infezioni anche nelle persone vaccinate”, ma “ciò non significa che i vaccini non funzionino” e “fino a quando più persone non saranno completamente vaccinate” e mentre il virus continua a diffondersi, “tutti dovrebbero attenersi alle normative nazionali e continuare ad adottare misure come indossare le mascherine e rispettare il distanziamento sociale. Anche le persone che hanno ricevuto un programma di vaccinazione completo”. Sono questi i punti principali contenuti una nuova nota congiunta dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) e del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), in cui si precisa che “la vaccinazione è importante” non solo “per proteggere le persone a più alto rischio di malattie gravi e ospedalizzazione”, ma anche per “ridurre la diffusione del virus e prevenire l’emergere di nuove varianti di preoccupazione”. Quanto alla terza dose, “non ci sono dati sufficienti per indicare che sia necessario un richiamo” ma “può essere consigliabile prendere in considerazione la riduzione dell’intervallo tra la prima e la seconda dose, entro i limiti autorizzati, in particolare per le persone a rischio di Covid-19 grave che non hanno completato il programma vaccinale raccomandato”.

“Possibile riduzione dell’intervallo tra prima e seconda dose” Ema e Ecdc ribadiscono che la vaccinazione completa è la chiave per la protezione contro il Covid-19 grave, comprese le malattie causate dalla variante Delta. Il livello più alto di protezione viene raggiunto dopo che è trascorso un tempo sufficiente (da sette a quattordici giorni) dal giorno dell’ultima dose di vaccino, anche se “in alcuni casi può essere consigliabile prendere in considerazione la riduzione dell’intervallo tra la prima e la seconda dose, entro i limiti autorizzati, in particolare per le persone a rischio di Covid-19 grave che non hanno completato il programma vaccinale raccomandato”. Inoltre, con la crescente circolazione della variante Delta di Sars-Cov-2 nei Paesi dell’Ue/See, l’agenzia europea per i medicinali e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie incoraggiano fortemente coloro che hanno diritto alla vaccinazione ma non sono ancora stati vaccinati a iniziare e completare il programma di vaccinazione raccomandato in modo tempestivo.

“Mancano dati sull’opportunità della terza dose” Emer Cooke, direttore esecutivo dell’Agenzia europea del farmaco Ema, su Politico.eu aggiunge che “la variante Delta è diventata ciò che tutti speravamo non sarebbe” diventata, cioè la variante di Sars-CoV-2 dominante nel Continente europeo. Ma i vaccini anti-Covid approvati “rimangono efficaci”. L’esperta parla anche della terza dose, su cui il dibattito è ancora aperto, mentre alcuni Paesi – fra cui la Germania, il Regno Unito e Israele – hanno già deciso di intraprendere questa strada, sebbene partendo da alcuni gruppi specifici di popolazione. “Al momento – ha precisato Cooke – non ci sono dati sufficienti per indicare che sia necessario un richiamo”. Si monitora dunque la situazione con l’Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie), l’Ema è in contatto costante con le aziende sul nodo dei numeri di dosi disponibili, nel caso dovesse rivelarsi necessario un altro richiamo. “Per alcune popolazioni – ragiona Cooke – si potrebbe iniziare a vedere la necessità, il che non significa che ce ne sia bisogno universalmente in tutta la popolazione“.

“Nessun vaccino è efficace al 100%, ma protegge da malattia grave” – “Le persone vaccinate sono protette contro Covid grave molto meglio rispetto ai non vaccinati – puntualizza Fergus Sweeney, capo studi clinici e produzione dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) – e dovremmo tutti sforzarci di essere completamente vaccinati appena ne abbiamo l’occasione”. “Sebbene l’efficacia di tutti i vaccini Covid-19 autorizzati nell’Unione europea/Spazio economico europeo (Ue/See) sia molto elevata, nessun vaccino è efficace al 100% – ricordano Ema ed Ecdc – Ciò significa che è previsto un numero limitato di infezioni da Sars-CoV-2 tra le persone che hanno completato il programma di vaccinazione raccomandato. Tuttavia, quando si verificano tali infezioni, i vaccini possono prevenire in larga misura malattie gravi e ridurre notevolmente il numero di persone che necessitano di ricovero in ospedale per Covid”.

Oms: “Posticipare la terza dose, dare priorità a Covax” – Un punto sul quale è intervenuto anche l’Oms, che ha chiesto di posticipare la terza dose “almeno fino alla fine di settembre” così da permettere l’immunizzazione “di almeno il 10% della popolazione di ogni Paese” del mondo. “Abbiamo urgente bisogno di cambiare le cose: da una maggioranza di vaccini che va ai Paesi ricchi ad una maggioranza che va ai Paesi poveri“, ha detto il direttore dell’Agenzia dell’Onu Tedros Adhanom Ghebreyesus nel consueto briefing sul Covid a Ginevra. Il direttore generale dell’Oms ha chiesto ai “produttori di vaccini di dare priorità a Covax“, il piano lanciato dall’Agenzia dell’Onu per un’equa distribuzione delle dosi. “Invitiamo tutti coloro che hanno influenza – atleti alle Olimpiadi, investitori, imprenditori, leader religiosi e ogni persona nella propria famiglia e comunità – a sostenere la nostra richiesta di una moratoria sui richiami fino alla fine di settembre”, ha insistito Ghebreyesus. “Dobbiamo concentrarci sulla prima e la seconda dose per quelle persone che sono più vulnerabili, più a rischio di malattie gravi e morte”, ha aggiunto Katherine O’Brien, direttore delle immunizzazioni e dei vaccini dell’Oms.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Vaccino, a La7 lite tra Pregliasco e Giovanardi, gemello dell’ex ministro. “Delirio, stupito che un collega dica queste cose”. “Come si permette?”

next

Football news:

Kules, sono pronto. Il Barcellona ha annunciato il ritorno di Fati, che non ha giocato a causa di un infortunio per quasi un anno
Pep Guardiola: certo, ora Chelsea è meglio della scorsa stagione. Con Lukaku, sono diventati ancora più forti
L'edizione più musicale del nostro Travel Show è dalla patria di Tchaikovsky! Qui canzoni popolari e remake della celebrazione di Daniel Medvedev
Dybala riceverà 10 milioni di euro all'anno con un nuovo contratto. Più in Juve solo a De Ligt
Ins ha criticato Sancho e Lingard: si piegano, non è FIFA. Devi solo giocare a calcio reale
Zlatan Ibrahimovic: tornato a Milano, ho chiesto: chi ha giocato almeno una partita in Champions League? Due alzarono la mano. Ho pensato che fosse uno scherzo
Messi e Verratti saranno nella domanda del PSG per la partita Con Man City (L'Équipe)