Italy

Vaccini: Janssen lancia la seconda edizione di 'A/Way Together'

Con 5 big dell'infettivologia alla scoperta dei progressi della ricerca scientifica

Vaccini: Janssen lancia la seconda edizione di 'A/Way Together'

Roma, 22 gen. (Adnkronos Salute) - “I vaccini sono stati quella 'strada comune” che ci ha permesso di debellare tante malattie. Oggi ci troviamo in una situazione che le nostre generazioni non avevano mai vissuto ed è di nuovo nei vaccini che riponiamo le nostre speranze. Questo è il momento di fare chiarezza, di ricordare con rigore scientifico come la ricerca ci abbia permesso di fare passi avanti giganteschi e di come sarà sempre più importante anche nel futuro per farci trovare quella “via” da percorrere insieme”. Con queste parole Loredana Bergamini, direttore medico di Janssen Italia, lancia la seconda edizione “A/Way Together”, il progetto promosso dall’azienda farmaceutica del gruppo Johnson e Johnson che vede coinvolte cinque tra i migliori infettivologi in Italia. Obiettivo: fare chiarezza sull’importanza che i vaccini hanno rivestito nella storia dell’uomo.


La nuova edizione di “A/Way Together” fa seguito alla prima, svoltasi nel luglio scorso, che aveva come finalità quella di ispirare una nuova generazione di clinici attraverso il coinvolgimento di alcune eccellenze nel campo dell'infettivologia e virologia che hanno raccontato la loro esperienza nei mesi più duri della prima ondata pandemica, con l’auspicio di contribuire alla diffusione di una maggiore consapevolezza dei progressi della scienza e del senso di responsabilità necessario per far fronte al momento attuale.


I protagonisti di questa edizione, le cui video-testimonianze si alterneranno con cadenza settimanale fino alla fine di febbraio sono 5 big dell’infettivologia: Cristina Mussini, Direttrice Struttura Complessa Malattie Infettive A.O. Universitaria di Modena, Giovanni Di Perri, Responsabile Malattie Infettive Ospedale Amedeo di Savoia di Torino, Antonella Castagna, professore associato Malattie Infettive dell’Università Vita-Salute San Raffaele, Andrea Gori, Direttore di U.O. Complessa Professore Malattie Infettive - Università di Milano e Andrea Antinori, dell’INMI Lazzaro Spallanzani di Roma. Saranno loro a raccontare la storia di alcune delle malattie infettive più invalidanti fino ad arrivare ai giorni nostri, e a testimoniare, attraverso le loro esperienze, come i progressi della ricerca abbiano permesso di debellare alcune patologie con le quali l’umanità ha fatto i conti per secoli e di cosa ci prospetta il futuro.


L’idea alla base dell’iniziativa è che “i vaccini rappresentano una delle più grandi scoperte scientifiche dell’età moderna”, quindi “hanno permesso di debellare definitivamente malattie un tempo molto diffuse, come ad esempio la poliomielite, una grave patologia infettiva del sistema nervoso centrale che nel secolo scorso colpiva migliaia di persone ogni anno. Grazie al vaccino sviluppato da Jonas Salk negli anni Cinquanta – si legge in una nota - nel giro di pochi decenni, la diffusione della poliomielite è stata drasticamente ridotta, fino a che nel 2002 l’Europa ne ha raggiunto la completa eradicazione”.


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Football news:

Dybala è volato a Barcellona per un esame da un chirurgo. È ancora preoccupato per un infortunio al ginocchio
Everton ha esteso il contratto con Dinem fino al 2025
Stefano Pioli: dopo aver giocato con Inter, ho detto alla squadra che mancano 90 giorni alla fine della stagione. L'allenatore del Milan Stefano Pioli ha parlato dell'umore della squadra dopo la sconfitta contro L'Inter
Jota è tornato al gruppo Generale del Liverpool
Mascherano sul futuro di Messi: non avrebbe mai osato dare consigli a Leo. Come amico, sosterrò qualsiasi sua decisione
Claudio Marchisio: Ronaldo è sempre temuto. L'ex centrocampista della Juventus Claudio Marchisio ha scherzato sul gioco dell'attaccante del club Cristiano Ronaldo di Torino nella partita del 23 ° turno di Serie A contro il Crotone (3:0)
Jack sugli insulti sui social media: uccide il calcio. Vorrei incontrare coloro che scrivono tutto questo e chiedere: perché?