Italy

Week end 15-16 febbraio a Firenze e in Toscana: spettacoli, eventi, mostre

Una sfilata di carri al Carnevale di Foiano della Chiana (AR)

FIRENZE

Guarnieri e Lazzarini alla Pergola – Al Teatro della Pergola (via della Pergola 18, Firenze) sabato 15 alle 20.45 e domenica 16 alle 15.45 Geppy Gleijeses dirige «Arsenico e vecchi merletti» di Joseph Kesserling con due monumenti del teatro italiano, Anna Maria Guarnieri, primadonna prediletta di Franco Zeffirelli, Mario Missiroli, Luca Ronconi, e Giulia Lazzarini, la musa di Giorgio Strehler. Gleijeses si ispira liberamente alla regia di Mario Monicelli, del quale ricorre quest’anno il decimo anniversario della scomparsa. «È un carnevale di paradossi – commentano Anna Maria Guarnieri e Giulia Lazzarini – una sfilata di tipi umani grotteschi, a cominciare dalle nostre zie Brewster, apparentemente due care vecchiette. Uno dei capolavori della comicità teatrale e cinematografica, definita dal New York Times una commedia “così divertente che nessuno la dimenticherà mai”». Il titolo è universalmente noto soprattutto grazie al film di Frank Capra, interpretato da Cary Grant, adattamento del grande successo teatrale di Broadway. Biglietti da 13 a 37 euro. Biglietteria Via della Pergola 30, Firenze, Dal lunedì al sabato: 9.30 / 18.30, tel. 055.0763333 [email protected] Circuito BoxOffice Toscana e online Durata: 2 e 10’, atto unico.

Amici della Musica – Sabato 15 alle 16 torna al Teatro della Pergola lo zar della tastiera Mikhail Pletnev, che propone una selezione di Sonate di Mozart e Beethoven: del primo la Sonata in mi bemolle maggiore KV 282 (1774)  e la Sonata in do maggiore KV 330 (1778); del secondo le Sonate op. 110 e op. 111. Domenica 16 alle 21 al Saloncino della Pergola, appuntamento con Jordi Savall, sulla breccia da oltre cinquant’anni, che presenta programma dedicato ai ai fasti e alle variegate espressioni della società tardo rinascimentale anglosassone, con al centro i «Musicall Humors» di Tobias Hume (prima edizione a stampa di brani per viola da gamba solista: 1605). Ben poco si conosce del suo stravagante autore, un militare di carriera col grado di capitano morto nell’indigenza. Inoltre musiche di Alfonso Ferrabosco (1575-1628) che, come l’omonimo padre, fu al servizio della corte inglese, e alcuni brani tratti da «The Lancashire Pipes», di autore anonimo, che impiegano un’accordatura particolare dello strumento tale da riprodurre l’effetto sonoro caratteristico della cornamusa. Jordi Savall suona una viola da gamba basso a sette corde Barak Norman del 1697. Il concerto è realizzato con il supporto del Departament de Cultura della Generalitat de Catalunya e l’Institut Ramon Llull. Lunedì 17 alle 21, al Saloncino arriva l’ensemble vocale Les Arts Florissants (Miriam Allan e Hannah Morrison, soprani, Lucile Richardot, contralto, Sean Clayton, tenore ed Edward Grint, basso) guidato da Paul Agnew, nella doppia veste di direttore e cantore. Fondato nel 1979 da William Christie, Les Arts Florissants è uno dei più prestigiosi ensemble vocali e strumentali specializzati nella musica rinascimentale e barocca. Programma dedicato soprattutto a Gesualdo, con pagine madrigalistiche anche di Orlando di Lasso, Nicola Vicentino, Claudio Monteverdi, Luca Marenzio e Luzzasco Luzzaschi. Biglietti in vendita al Teatro della Pergola, presso il circuito regionale Box Office e online su www.ticketone.it

Tre rotture a Rifredi – Sabato 15 alle 21 al Teatro di Rifredi  (via Vittorio Emanuele II, 303 – Firenze; tel. 055/422.03.61) «Tre rotture» del francese Rémi De Vos, traduzione Angelo Savelli e Antonella Questa. Sul palco l’affiatata coppia formata da Monica Bauco e Riccardo Naldini. Tre rotture, tre quadri, tre coppie. Quadro di René Magritte: lei gli prepara una deliziosa cenetta prima di lasciarlo perché non sopporta più il suo cane, ma lui non vuole rinunciare a dire l’ultima parola. Quadro di Francis Bacon: lui ha incontrato un pompiere e vuole farla partecipe del suo ardente desiderio. Lei questo non lo accetta, ma deve fare i conti con le inarrestabili fiamme della passione. Quadro di Piet Mondrian: loro cercano di condividere la gestione di un bambino molto complicato e il piccolo dittatore manderà all’aria il loro rapporto. Ingresso intero € 16, ridotto € 14, abbonamento PassTeatri. Prevendita Teatro di Rifredi ore 16–19. Circuiti  BoxOfficeToscana e Ticketone | Online www.boxofficetoscana.it – www.ticketone.it. Dettagli www.toscanateatro.it

Romeo e Giulietta nati sotto contraria stella e Pieraccioni – Al Teatro Verdi (via Ghibellina 99) sabato 15 alle 20.45 e domenica 16 alle 16.45 Ale e Franz in «Romeo&Giulietta – nati sotto contraria stella», da William Shakespeare, drammaturgia e regia Leo Muscato. I veri protagonisti non sono i personaggi dell’opera, ma sette vecchi comici girovaghi che si presentano al pubblico per interpretare la dolorosa storia di Giulietta e del suo Romeo. Sanno bene che è una storia che già tutti conoscono, ma loro vogliono raccontarla osservando il più autentico spirito elisabettiano. Sono tutti uomini e ognuno di loro interpreta più personaggi, anche quelli femminili. Bigletti interi euro 31 / 25 / 19. Domenica 16 alle 17 Pieraccioni e le musiche dei suoi film per Cure2Children: il regista racconterà aneddoti e curiosita delle sue pellicole; la Original Soundtrack Ensemble, diretta dal Maestro Gianluca Sibaldi, eseguirà dal vivo le colonne sonore dei film di Leonardo Pieraccioni. Evento realizzato grazie al sostegno di Petti. Il ricavato della serata sara interamente devoluto ai bambini della fondazione Cure2Children affetti da tumori e gravi malattie del sangue.

Teatro Puccini – Al Teatro Puccini (via delle Cascine 41)  sabato 15 alle 21 Riccardo Rossi inj «L’amore è un gambero», di Riccardo Rossi e Alberto Di Risio, regia Cristiano D’Alisera. Senza amore non si vive. Siamo tutti d’accordo. Non esiste una persona al mondo senza un amore da raccontare, che sia stato il primo o l’ultimo fa poca differenza: ci ha fatto ridere, ci ha fatto piangere, ma è stato amore, ed è rimasto scolpito per sempre nei nostri cuori perché ci abbiamo investito la parte più vera di noi, quella che più ci appartiene. D’amore si parla tutti i giorni in tutti i luoghi tra tutti noi. E Riccardo Rossi nel suo spettacolo ci “spiega” i trucchi per affrontare al meglio tutte le fasi di una storia sentimentale. Biglietti 27 / 22 euro, anche online su www.teatropuccini.it Domenica 16 alle 16.45 Pupi di Stac presentano «Cenerentola», testo e regia di Enrico Spinelli, con Patrizia Morini ed Enrico Spinelli, burattini di Ursel Rippe, scenografie Beatrice Manetti e Massimo Marradi, musiche Enrico Spinelli. Dai 4 ai 10 anni; 60’ingresso euro 8.

Antidiluviani al Cestello – Sabato alle 20.45  al Teatro di Cestello (Piazza di Cestello 4) Marcello Ancillotti dirige la commedia di Paolieri «Gli Antidiluviani». Info www.teatrocestello.it 

Delirio al Reims – Al Teatro Reims (via Reims 30) sabato 15 alle 21 e domenica 16 alle 17 «Delirio a due» di Eugene Ionesco Biglietti On Line su TicketOne https://www.ticketone.it/biglietti.html… – circuito Boxoffice Toscana – cassa Teatro Reims da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo www.teatroreims.it

Dostoevskij alle Spiagge – Sabato 15 alle 21 e domenica 16 alle 17.30 al Teatro delle Spiagge (via del Pesciolino) «La mite» di Fëdor Dostoevskij, regia Nicola Zavagli, con Beatrice Visibelli. Un monologo scritto dal più profondo indagatore dell’animo umano e il tentativo di immergersi nei labirinti di un uomo e di un carnefice.

Festa del gatto – Domenica 16 nel Chiostro e nella Limonaia di Villa Vogel (Via A. Canova, 72) si svolge la Festa nazionale del gatto, a ingresso libero. Non è una mostra felina e non saranno presenti gatti, ma ci saranno attività a tema per amanti dei felini. Dalle 9 Gattart, mostra di quadri, fotografie e sculture di gatti, nel Chiostro, e Mercatino con oggetti gattosi nella Limonaia. Dalle 10: Oracoli dei Gatti consulti alla Limonaia; preparazione unguenti e fiori di Bach per animali alla Limonaia; stampa 3D e colorazione a piacere ad immagine e somiglianza del tuo gatto alla Limonaia; dalle 15: Area Benessere alla Limonaia; reiki e letture intuitive per animali e padroni con la tecnica del ThetaHealing alla Limonaia; ore 15.30: intervento di Marina Alberghini, Presidente dell’Accademia dei gatti magici di Fiesole, che parlerà del suo libro ”Gatti e Artisti” al Chiostro; ore 16: presentazione del libro “la magia del gatto” di Fabio Nocentini; ore 16.30: intervento della comportamentalista del gatto (e del cane) Cristina Volpini; dalle 17: concerto a tema e lettura di poesie sui gatti al Chiostro. Area gioco bimbi alla Limonaia. Workshop grembiule personalizzato. Tatuaggi Hennè alla Limonaia. Il ricavato delle offerte verrà devoluto al Gattile Ama, i cui volontari (presenti tutta la giornata alla Limonaia) daranno informazioni di ogni tipo sui gatti e gattini che cercano casa.

La Democrazia del corpo – La Democrazia del corpo 2020 si apre domenica 16 alle 17 con Kevin Jerome Everson, noto artista americano dalla multidisciplinare personalità (cinema, pittura, scultura, fotografia). A Cango (via Santa maria 15) viene presentata la videoinstallazione We was up there, we was waiting on them, proiezione in loop di un corto sull’eclissi totale in Cile. Con questa opera Everson coinvolge lo spettatore in un ambiente etereo che affonda le radici nel cinema come mezzo, nei meccanismi della cinepresa e nella capacità della natura di spostare l’esposizione dalla luce all’oscurità. L’artista si racconta al pubblico in un dialogo con Justin Randolph Thompson, direttore di Black History Month Florence. Ingresso gratuito (Info: 055 2280525   www.virgiliosieni.it).

Grease per la terza etàSabato 15 alle 20.45 e domenica 16 alle 16.45 al Teatro Lumière (via di Ripoli 231) la Compagnia Giosuè Borsi ArsAnte presenta «A tutto Grease – 40 anni dopo». In una casa di riposo sono ospiti alcuni anziani ma non troppo, che hanno tanta, tanta voglia di tornare giovani. Il dottor Donato è impegnato nel cercare ogni modo per accontentarli ma tutti i suoi rimedi si sono rivelati sinora infruttuosi. Per un ultimo tentativo, ingaggia il dottor Corvo che ha una cura a suo dire miracolosa. Da qui prende il via una sequela di situazioni paradossali e divertenti che i nostri protagonisti vivono accompagnandole con i motivi di Grease. Biglietti 14 / 12 euro; se si acquista presso circuiti TicketOne prezzo del biglietto + 1,50 Euro di prevendita + commissioni (a discrezione del rivenditore).

San Salvi – Allo Spazio Chille a San Salvi sabato 15 alle 21 «Napule ‘70, primo studio», di e con Claudio Ascoli con la partecipazione di Sissi Abbondanza. Voci, Musiche, Domande, Immagini, Video, Luci Dario Ascoli, Matteo Brighenti, Antonia Cerullo, Renato Esposito, Bartolo Incoronato, Paolo Lauri, Matteo Pecorini, Gabriele Ramazzotti, Alessio Rinaldi, Dario Trovato. Prenotazione consigliata. Info e prenotazioni: 055.6236195 335.6270739 Biglietti da 8 a 12€. Uno spettacolo sugli anni ’70 a Napoli, ma anche sui 70 anni di Claudio Ascoli, il vecchio-giovane fondatore dei Chille nel 1973.

General Stratocuster & The Marshals – Sabato 15 alle 22.30 I General Stratocuster & The Marshals presentano al Glue il loro ultimo disco “Get a Lawyer” appena uscito per Black candy records! Ingresso gratuito, tessera Glue/US Affrico obbligatoria, prenotabile qui

Tributo a De André – All’Auditorium FLOG W Live (Via M. Mercati 24/b,  www.auditoriumflog.com) sabato 15 tributo a De André con la band Via del Campo; apertura cancelli 21.30, ingresso 10 euro.

Careggi in musica – Domenica 16 alle 10.30 alle 10.30, presso l’Aula Magna del Nuovo Ingresso dell’Ospedale di Careggi a Firenze (Largo Brambilla 3, padiglione 3, ingresso libero) per Careggi in Musica”, la stagione di musica in ospedale fondata da A.Gi.Mus. nel 1999 in collaborazione con Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi, si esibirà il duo formato da Tito Ciccarese al flauto e Pierluigi Di Tella al pianoforte, che eseguiranno musiche di Petrini Zamboni, Dalla Massa Masini, Ghini, Saya, C. Schumann.

Florence Ice Village – Ai giardini della Fortezza, lato vasca, fino al 29 febbraio 2020 c’è Florence Ice Village: pista di pattinaggio su ghiaccio di 320 metri intorno alla vasca, mercatini, villaggio di Babbo Natale. Dalle 10 del mattino a mezzanotte. Col biglietto si hanno un paio di pattini a nolo e un’ora in pista.

Firenze Winter Park – Fino al nel giardino del Tuscany Hall (via Fabrizio de André angolo, Lungarno Aldo Moro, 3) c’è il Winter Park, aperto sabato e domenica dalle 10.30 alle 24. L’impianto è composto da una pista di pattinaggio principale “master” coperta di 18 metri x 38 metri e una pista “river” di 10 metri x 20 metri, sempre coperta, pensata per i più piccoli e per i principianti, sulla quale sarà possibile praticare l’Ice Stock uno sport della stessa famiglia del Curling adatto a grandi e piccini, che non richiede l’utilizzo dei pattini. Ristorante e tavola calda. Info 334 6035780

Mostre – Dal 5 febbraio al 5 aprile il Teatro della Pergola ospita la mostra a ingresso libero «Spettatori. Il Teatro della Pergola e il suo pubblico». Il 22 giugno 1718, in occasione del debutto dell’opera «Scanderberg» di Antonio Vivaldi, il Teatro della Pergola apriva le porte ai suoi primi spettatori paganti. Fino a quel momento infatti, a partire dalla sua inaugurazione avvenuta nel 1657, il teatro aveva ospitato solo spettacoli e celebrazioni riservate alla corte medicea e ai suoi invitati. Passati da poco i trecento anni da quel momento così significativo, la mostra rende omaggio all’elemento indispensabile dello spettacolo, lo spettatore, raccontando la sua evoluzione nel corso del tempo (con uno sguardo anche al futuro). All’interno del percorso espositivo il visitatore avrà l’occasione di scoprire le curiosità e gli aneddoti, le mode e le (cattive) abitudini del pubblico che frequentava il teatro fiorentino attraverso i documenti dell’archivio storico dell’Accademia degli Immobili, i costumi del Laboratorio d’Arte del Teatro della Pergola, le immagini d’epoca dell’Archivio Storico Foto Locchi, le illustrazioni di Francesco Zorzi e le installazioni multimediali di Space Spa. D e, per i possessori dei relativi tagliandi di ingresso, anche in occasione degli spettacoli, dei concerti e delle visite guidate. Sono inoltre previste una serie di visite guidate di approfondimento sugli usi e costumi degli spettatori nelle diverse epoche.

Nella Galleria delle Carrozze di Palazzo Medici Riccardi da sabato 15 febbraio al 2 giugno c’è la mostra «Tutankamon: viaggio verso l’eternità», a cura di Maria Cristina Guidotti, già curatrice del Museo Egizio di Firenze, e di Pasquale Barile, presidente della Ancient World Society,  col patrocinio della Città Metropolitana di Firenze e del Comune di Firenze, in  collaborazione con MUS.E. La mostra è organizzata dalla Società italiana Discovery Time, in cooperazione con il Ministero delle Antichità del Cairo e con il supporto del Museo Archeologico Nazionale di Firenze. La realtà virtuale è stata realizzata da La macchina del tempo di Bologna. Un’esperienza immersiva che, grazie a fedeli riproduzioni, reperti originali messi a disposizione dal Museo Archeologico Nazionale di Firenze, di cui alcuni inediti, la tecnologia 3D e l’innovativa Realtà Virtuale, rivelerà tutti i segreti della Tomba di Tutankhamon facendone conoscere i tesori incredibili destinati ad accompagnare il giovane faraone nel suo ultimo viaggio. Unico esempio di sepoltura regale con corredo ritrovata intatta, la tomba di Tutankhamon, scoperta il 4 novembre del 1922 da Howard Carter, archeologo e appassionato acquerellista che ha così iscritto il proprio nome nella storia dell’archeologia mondiale, è la sola a permetterci di sapere come venisse seppellito un faraone e con quale tipo di corredo. Riproduzioni della statua di Anubis, che protegge la camera del tesoro, del trono d’oro e della maschera aurea che proteggeva il volto e le spalle della mummia; reperti inediti, come il sarcofago ligneo dipinto di Padihorpakhered, decorato su tutte le superfici e restaurato per l’occasione, proveniente dai depositi della Sezione Egizia del Museo Archeologico Nazionale di Firenze. Un accurato lavoro di ricostruzione in 3D darà a curiosi e appassionati la possibilità di vivere un’esperienza di realtà virtuale, visitando in prima persona uno dei luoghi più famosi al mondo. Le schede d’inventario di Howard Carter e le foto d’archivio di Henry Burton, conservate presso il Griffit Institute dell’Università di Oxford, sono state la fonte primaria per la riproduzione nei minimi particolari del corredo funebre. Anche l’esterno della tomba è stato progettato in modo tale da ricreare il cantiere di scavo approntato da Howard Carter. La visita virtuale viene effettuata indossando un visore e impugnando due controller che permettono di entrare nell’ambiente ricostruito e di interagirvi: ci si potrà soffermare sui singoli oggetti del corredo, afferrandoli per poterne apprezzare la verosimiglianza; si sentiranno le parole dei diari di Carter e, nella camera funeraria, si potranno decifrare i geroglifici alle pareti, grazie all’attento lavoro di traduzione a cura di Pasquale Barile. Dagli otto anni in su (bambini e ragazzi hanno percorso ad hoc). Orari: dal lunedì al giovedì, ore 10 – 20; venerdì e sabato, ore 10 – 23; domenica 10 – 20. Ultimo accesso un’ora prima della chiusura. Costo per la sola mostra: adulti 13 €, bambini e ragazzi (dai 6 ai 18 anni) 10 €, studenti 10 € (fino a 30 anni), over 65 10 €, disabili 5 € per gli aventi diritto all’accompagnamento secondo la Legge 104/92, l’accompagnatore ha diritto all’ingresso gratuito. Biglietto per famiglie: 2 adulti + 2 bambini o 1 adulto + 3 bambini 38€, 2 adulti + 3 bambini o 1 adulto + 4 bambini 44€. Costo per la sola realtà virtuale: adulti 15 €, bambini e ragazzi (dai 6 ai 18 anni) 12 €, studenti 12 € (fino a 30 anni), over 65 12€. Biglietto combinato mostra + realtà virtuale: adulti 24 €, bambini e ragazzi (dai 6 ai 18 anni) 20 €, studenti 20 € (fino a 30 anni), over 65 20 €

Sporcarsi Le Mani Per Fare Un Lavoro Pulito è la prima esposizione collettiva che inaugura il semestre dedicato da Murate Art District a sguardi internazionali: “MAD dedica il primo semestre di programmazione a residenze ed esposizioni internazionali che indagano la cultura afro-discendente, quindi il Middle East e infine l’estremo Oriente con il Giappone – sottolinea Valentina Gensini, direttore artistico di MAD Murate Art District -. La rinnovata collaborazione con BHMF e con Villa Romana si concretizza in due esposizioni di grande importanza: una sul Black Archive, l’altra su importanti artisti internazionali chiamati a riflettere sulla retorica post-coloniale e su un certo neocolonialismo contemporaneo, che ci impone dolorose negoziazioni con la storia, con la memoria collettiva e con le sue amnesie, ma anche con il futuro, che chiede un cambio netto di prospettiva”. La mostra, a cura di Black History Month Florence, in collaborazione con Villa Romana (Florence), Civitella Ranieri Foundation (Umbertide) e Galleria Continua (San Gimignano), e presenta il lavoro di 6 artisti internazionali che hanno utilizzato il contesto italiano come luogo di produzione artistica. Protagonisti M’Barek Bouhchichi (Morocco), Adji Dieye (Italy/Senegal), Sasha Huber (Switzerland/Finland), Delio Jasse (Angola/Italy), Amelia Umuhire (Rwanda/Germany), Nari Ward (Jamaica/USA). Sempre nell’ambito del BHMF 2020, fino al 29 febbraio prosegue negli spazi dell’Emeroteca di MAD Murate Art District l’esposizione dedicata al Black Archive Alliance Vol. I e II, che raccoglie elementi del primo e secondo volume del Black Archive Alliance, progetto finalizzato alla costruzione di un archivio di tutte le realtà afro-discendenti a Firenze.

In occasione delle celebrazioni per il Giorno della Memoria 2020, dal 27 gennaio al 23 febbraio, il Museo di Palazzo Vecchio accoglierà nella Sala dei Gigli l’installazione Il Muro Occidentale o del Pianto di Fabio Mauri, un progetto Museo Novecento OFF ideato e curato dal direttore artistico del Museo Novecento Sergio Risaliti.

A Villa Bardini c’è Enigma Pinocchio. Da Giacometti a La-Chapelle, mostra curata da Lucia Fiaschi e interamente dedicata alla creatura di Collodi, Pinocchio. Da Giacometti a La Chapelle, da Munari a Paladino, da Calder a Ontani, da McCarthy a Venturino Venturi. Fino al 22 marzo. Orario: tutti i giorni 10-19, chiuso lun Info: 055.20066233 www.villabardini.it

I dinosauri sono protagonisti di una grande e suggestiva mostra dal titolo Dinosaur Invasion, prorogata fino al 29 marzo in Viale Guidoni 206, accanto al Centro Sportivo Paganelli, noto anche come “le cupole” (zona Novoli-Olmatello). Organizzata in collaborazione con Firenze Pallanuoto e Liberi e Forti ASD (società cui andrà una parte degli incassi per l’efficientamento energetico dell’impianto sportivo), la mostra coinvolgerà non solo bambini, ma anche ragazzi e famiglie, grazie alla realizzazione di un parco giurassico a grandezza naturale che offrirà un’esperienza unica e dinamica di grande impatto: “l’invasione” vedrà protagonista infatti una trentina di dinosauri da osservare ciascuno nel proprio ambiente, ricreato con cura in 17 isole interamente scenografate. Ore: 9.30 – 19.30, dal lunedì alla domenica (chiusura biglietteria alle 18.30). Biglietti interi: € 13, ridotti: € 10, famiglia (4 persone): € 40, famiglia (5 persone): € 48; info e acquisto http://www.dinosaurinvasion.it/it/

La Collezione Roberto Casamonti allestita al Piano Nobile di Palazzo Bartolini Salimbeni (Piazza di Santa Trinita, 1), storico edificio rinascimentale opera di Baccio d’Agnolo, si rinnova totalmente con l’obiettivo di presentare e mettere a disposizione dei visitatori il fior fiore dell’ampia Collezione personale, raccolta dal noto gallerista fiorentino in 40 anni di appassionate ricerche.  www.collezionecasamonti.com

Uno sguardo sull’artista e il suo rapporto con il mondo femminile attraverso gli scatti di uno dei più affermati fotografi del Novecento: questo il tema scelto dalla città di Firenze per celebrare il genio del maestro spagnolo e del grande fotografo irlandese con l’esposizione “Picasso. L’altra metà del cielo. Foto di Edward Quinn”, in programma dal 30 novembre 2019 al 1° marzo 2020, presso il Museo Mediceo di Palazzo Medici Riccardi. La mostra, prodotta e organizzata da MetaMorfosi con il patrocinio della Città Metropolitana di Firenze, è frutto dell’insolita amicizia che legò Picasso a Edward Quinn, come spiega il nipote ricostruendo il loro primo incontro avvenuto in Costa Azzurra: «“Lui, il ne me dérange pas”, (“non mi disturba”) racconta Picasso dopo che, il 23 marzo 1953, lo aveva fotografato per la prima volta durante il suo lavoro. Così Quinn divenne uno dei pochi fotografi a cui fu permesso di fotografarlo durante il lavoro e che era accettato nella sua vita privata». Una corposa serie di scatti realizzati in Costa Azzurra per circa vent’anni che raccontano un Picasso intimo e privato, svelando, in particolare, il suo complesso rapporto con l’universo femminile: il maestro è ritratto fra le sue donne, amanti e amiche, fra i suoi figli, frutto di molte passioni nel corso degli anni, ma anche fra i tanti amici e conoscenti che popolavano le sue tele così come le tavolate imbandite e le spiagge davanti al mare.

Fino al 29 febbraio Noi, neanche dannati, mostra di opere di Elena Mutinelli, curata da Vittorio Sgarbi e allestita negli spazi della galleria d’arte Etra Studio Tommasi, in via della Pergola 57. Nata dal sodalizio tra l’artista e Francesca Sacchi Tommasi, che ha seguito l’avvicendarsi delle opere e l’evoluzione dello stile nel tempo, Noi, neanche dannati propone una settantina di sculture che testimoniano la fragilità della figura umana con il rimpianto di un umanesimo perduto; al tempo stesso la gallerista presenta al pubblico il lato nascosto di un‘artista, attraverso un percorso di opere recentissime e di altre ancora inedite.

Saranno gli scatti di Margherita Verdi i protagonisti della mostra “Impronte”, in programma fino al 21 marzo presso fsmgallery, lo spazio espositivo della Fondazione Studio Marangoni (in via Sa Zanobi 19/r, ingresso libero). La mostra sarà visitabile (orari da lunedì a venerdì dalle 15 alle 19 e sabato dalle 10 alle 13 o su appuntamento. Ingresso libero).

Fino al 13 aprile a Prato c’è «Dopo Caravaggio. Il Seicento napoletano nelle collezioni di Palazzo Pretorio e della Fondazione De Vito», organizzata dal Comune di Prato e curata da Rita Iacopino e Nadia Bastogi. Diciannove opere che raccontano l’influenza della pittura di Caravaggio su alcune delle personalità più rilevanti della scena artistica napoletana del XVII secolo; info e prezzi sul sito di Palazzo Pretorio

Fino al 26 aprile al PALP Palazzo Pretorio Pontedera (piazza Curtatone e Montanara 1) c’è la mostra «Arcadia e Apocalisse. Paesaggi italiani in 150 anni di arte, fotografia, video e installazioni», ideata e curata da Daniela Fonti e Filippo Bacci di Capaci e promossa dalla Fondazione per la Cultura Pontedera, dal Comune di Pontedera, dalla Fondazione Pisa, con il patrocinio e il contributo della Regione Toscana. La mostra ha l’obiettivo di indagare il modo in cui il paesaggio è stato percepito e rappresentato artisticamente dal 1850 fino ai giorni nostri, mettendo in luce quelli che sono stati i cambiamenti in materia di estetica e di codici rappresentativi e cercando al contempo di sensibilizzare la coscienza dei visitatori sul tema del degrado ambientale.

A Livorno nel museo della città in piazza del Luogo Pio mostra Modigliani e l’avventura di Montparnasse. Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre nel centenario della morte di Modigliani; l’esposizione porta nella città che diede i natali al maestro 122 opere, fra cui 14 dipinti e 12 disegni di Modì. Ci sono dipinti e disegni appartenuti ai due collezionisti, Netter e Alexandre, che lo hanno accompagnato e sostenuto nella sua vita, e un centinaio di opere di artisti con cui aveva fatto amicizia come Maurice Utrillo, André Derain, Chaïm Soutine, la stessa compagna Jeanne Hébuterne, e altri come Suzanne Valadon, Moïsee Kisling, Maurice de Vlaminck. Fino al 16 febbraio 2020.

BAGNO A RIPOLI (FI)

Al Teatro ACLI di Ponte a Ema sabato 15 alle 21.15 e domenica 16 alle 17.15 «Tutta colpa di Ettore», commedia sulle paure e le frustrazioni che molto spesso segnano profondamente la vita frenetica di oggi. Sei personaggi lottano contro di esse creando situazioni divertenti; prenotazioni 3807131593

ANTELLA – BAGNO A RIPOLI (FI)

Al Teatro Comunale Antella (Via Montisoni 10, Bagno a Ripoli) sabato 15 alle 21 per il ciclo “I Capolavori”, a cura di Riccardo Massaiche quest’anno dedica un omaggio a Gustave Flaubert (1821-1880), a 140 anni dalla morte, con la lettura di «Madame Bovary». Apparso a puntate sulla “Revue de Paris” nel 1856 e integralmente un anno dopo, il romanzo incontrò subito un grande successo di pubblico, anche per il clamore del processo a cui il suo autore, incriminato per oltraggio alla morale e alla religione, fu sottoposto. La seconda puntata delle tre previste è affidata ad Alessandra Bedino e Rosario Campisi; per l’ultima ci saranno Daria Deflorian, premio Ubu 2012 come miglior attrice protagonista, e Antonio Tagliarini (sabato 29). Intero 10 euro/ridotto 7 euro (under 14 e over 65, Soci Coop Firenze, Carta dello Studente, Iscritti ai laboratori Archètipo).

PRATO

Sabato 15 alle 19.30 e domenica 16 alle 16.30 al Teatro Fabbricone Valter Malosti mette in scena «Il misantropo» di Moliere in modo del tutto inedito e contemporaneo, esaltando il rapporto nevrotico e insano del protagonista Alceste con il mondo femminile. Il testo del 1666 sul radicamento nell’infelicità, riletto e adattato da Malosti insieme a Fabrizio Sinisi diventa un testo totalmente “al presente”, dove campeggiano l’accidia, il furore, l’incapacità di vivere i sentimenti, peraltro spesso inesistenti, una sessualità esibita e vissuta come affermazione sociale, desideri sfrenati; Il testo viene messo a reazione con un altro grande capolavoro, il «Don Giovanni» di cui diventa la tavola rovesciata e complementare. Info Teatro Metastasio – tel 0574 608501

Prodotto dal Teatro Metatasio di Prato e TPE – Teatro Piemonte Europa, in prima assoluta dall’11 al 23 febbraio al Teatro Magnolfi arriva «Circo Kafka», spettacolo che riflette sulla giustizia, ambientando in un surrogato di un circo «Il processo» di Franz Kafka, con Claudio Morganti a dirigere Roberto Abbiati. La restituzione scenica del testo di Kafka – che vede Josef K. arrestato da due agenti del tribunale, condannato e giustiziato senza essere informato in merito alla natura delle accuse a suo carico e senza alcun riferimento per attuare una vera difesa – è senza parole, una finissima partitura di piccole farse ed episodi fatta solo di gesti, suoni, rumori e oggetti attraverso una mimica semplice e poetica, sempre in bilico tra una trasognata levità e l’inquietante ineluttabilità dell’insensata storia raccontata. La scena, costruita artigianalmente da Abbiati pezzo per pezzo utilizzando oggetti e materiali di recupero, è piena di studiatissime cianfrusaglie che assumono forme diverse e su cui domina un letto, sovrastato da una testata decorata con un gatto che urla, con accanto un abat-jour, la ruota di una bicicletta, un contrabbasso, una sedia, una stampella… Abbiati di volta in volta è poliziotto, carceriere, giudice, accusato e accusatore, in un turbinio di facce, ammiccamenti, suoni registrati, strumenti suonati dal vivo – come il didgeridoo di Johannes Schlosser e la cornamusa suonata dallo stesso Abbiati – che ci arrivano come un vero e proprio discorso, un chiacchiericcio indistinto di segni che si fa teatro purissimo, dove i silenzi fanno parte integrante della partitura drammatica. Poco più di 40 minuti di puro lirismo ‘artigiano’ per riflettere sulla giustizia e per ridere compassionevolmente sul senso di un processo ingiusto che riguarda tutti; tutte le info su www.metastasio.it 

Per allargare la visione di uno spettacolo ‘da grandi’ anche ad un pubblico più giovane, la stagione del Teatro Metastasio e la rassegna MET Ragazzi si incrociano con «Circo Kafka» sabato 15 e sabato 22 alle 17 al Teatro Magnolfi.

All’interno degli eventi di METJAZZ OFF, realizzata in collaborazione con la Scuola Comunale di Musica Giuseppe Verdi di Prato, domenica 9 alle 11, presso la Scuola di Musica Verdi, ci sarà la conferenza di Stefano Zenni Ancient to the Future: tradizione e avanguardia nell’Art Ensemble of Chicago per analizzare la musica come racconto e messa in scena di una Storia diversa, quella della Great Black Music nell’universo potente e teatrale dell’Art Ensemble of Chicago. “Ancient to the future” era il loro motto. Ingresso libero. Info Teatro Metastasio – tel 0574 608501

POGGIO A CAIANO (PO)

Sabato 15 dalle 22 si inaugura con nuova gestione e programmazione il «Backdoors», locale storico di Poggio a Caiano (via Soffici 64). A dargli nuova vita «Backdoors» è Rodolfo Banchelli, artista poliedrico con collaborazioni che vanno da Dario Fo a Lucio Dalla, ma con alle spalle anche la gestione del non meno glorioso «Manila» di Campi Bisenzio. Djs, musica dal vivo, eventi, mostre… Ingresso libero con consumazione obbligatoria, da 10 euro.

PISTOIA

Nuovo appuntamento di grande prestigio per la XVI Stagione Sinfonica Promusica, promossa con la Direzione Musicale di Daniele Giorgi al Teatro Manzoni di Pistoia da Associazione Teatrale Pistoiese, in collaborazione con Fondazione Pistoiese Promusica e con il sostegno di Fondazione Caript. Sabato 15 alle 21 per la prima volta insieme all’Orchestra Leonore, la grande pianista Angela Hewitt sarà protagonista del Concerto n. 23 in la maggiore K. 488 di W. A. Mozart e del Concerto n. 1 BWV 1052 di J. S. Bach. I biglietti per i concerti (da € 5 a € 20) sono alla biglietteria del Teatro Manzoni (0573 991609 – 27112) e online su www.teatridipistoia.it  Info  www.fondazionepromusica.it

PONTEPETRI (PT)

All’Antica Osteria Le Panche (via Modenese 758) sabato 15 dalle 20 cena-spettacolo a tema “Milano”: dopo risotti allo zafferano e ossibuchi, Rodolfo Banchelli si produce in un tributo a Gaber, Iannacci, Celentano e altri cantautori lombardi. Prenotazioni e info 3662844676.

VIAREGGIO (LU)

Sono sei i Corsi Mascherati del Carnevale di Viareggio 2020 in programma dal 1 al 25 febbraio. Novità assoluta: la sfilata notturna di giovedì 20 febbraio, per festeggiare il Giovedì Grasso. Il Carnevale di Viareggio 2020 inizierà sabato 1 alle 16 con la cerimonia di inaugurazione, l’alzabandiera e il primo Corso Mascherato. I carri allegorici torneranno a sfilare sui Viali a Mare domenica 9, sabato 15, giovedì 20, domenica 23 e martedì 25 febbraio per il gran finale con la proclamazione dei vincitori e lo spettacolo pirotecnico di chiusura.

PISA

Il 15 febbraio 1564 nasceva a Pisa Galileo Galilei. Per celebrare l’anniversario sabato 15 il Museo delle Navi Antiche di Pisa organizza due iniziate speciali: l’ingresso al museo sarà gratuito per i residenti nel comune di Pisa e sarà possibile inoltre prendere parte a visite guidate all’esposizione dedicate in particolare agli strumenti di orientamento durante la navigazione. La visita guidata “Volgere lo sguardo al cielo per meraviglia e necessità: orientarsi guidati dalle stelle” è dedicata la grande scienziato pisano e si tratta di un percorso alla scoperta dell’intera esposizione, con un approfondimento tematico sugli strumenti utilizzati dagli antichi per orientarsi in mare aperto, quando la bussola non era ancora stata inventata (visite alle ore 11 e 16, €6 comprensivo di auricolari) Per le visite guidate è prevista la prenotazione obbligatoria 050 8057880 e [email protected] Il biglietto d’ingresso deve essere acquistato a parte.

PONTEDERA (PI)

Al Teatro Era (via Indipendenza, parco Jerzy Grotowski) sabato 15 alle 21.15 Primo appuntamento concertistico del Festival Beethoven 250 con i Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino presenteranno un Concerto incentrato sui Quartetti di Beethoven: Quartetto d’archi Op.18 n.1, Quartetto d’archi Op. 95 “Serioso”, Grande Fuga op. 133. Ingresso euro 10 / 8, prenotazione obbligatoria, 0587271727 – 0587 212124.

BIENTINA e CASCIANA TERME (PI)

Sabato 15 alle 21.30 al Teatro delle Sfide di Bientina e domenica 16 alle 18 al Teatro Verdi di Casciana Terme «Ballantini e Petrolini». L’attore comico trasformista di Livorno noto per i suoi mille personaggi di Striscia la Notizia presenta uno dei suoi cavalli di battaglia: il mitico Ettore Petrolini il precursore della comicità italiana, il maestro e ispiratore di Totò, che con la sua arte lesse ed interpretò un epoca. Ballantini ne ripercorre magistralmente la carriera attraverso le sue macchiette più popolari Gastone, Gigi er bullo, Nerone, Fortunello, Amleto, che sono state banco di prova per i piu grandi mattatori tra cui Gigi Proietti. Lo accompagna alla fisarmonica Marcello Fiorini. Ingresso 15 euro (12 ridotto). Info e prenotazioni 3280625881.

MONTEVARCHI (AR)

Il 16, 23 e 25 febbraio c’è la 66ª edizione del Carnevale dei Ragazzi di Montevarchi; i corsi mascherati sfilano a partire dalle 15 nel centro storico. Molte le iniziative collaterali: agli stand del Parco giochi in Piazza Varchi cenci e brighelle di Pinocchio; da sabato 22 a martedì 25 Mostra dedicata al 66° Carnevale dei Ragazzi, con esposizione dei disegni eseguiti dalle classi 3ª, 4ª e 5ª delle scuole primarie del Comune. Sabato 22 alle 21 concorso ‘La migliore voce’ (Circolo Stanze Ulivieri, Piazza Garibaldi), mentre martedì 25 dalle 9 alle 13 termina il Concorso di disegno. Due gli appuntamenti in zona Pestello, dove domenica 1 marzo alle 15.30 si tiene il 32° concorso ‘La migliore mascherina’ e la manifestazione Addio al Carnevale, dedicata a tutti i bambini del Valdarno (Circolo Coop Pestello di Via Mincio). Infine, a Levane appuntamento domenica 1 marzo alle ore 14.30 con la 19ª edizione del Carnevale a Levane, con spettacoli di animazione, giochi e stand gastronomici (Via Leona e Pizza del Secco). Info: 055.9108246 www.comune.montevarchi.ar.it

FOIANO DELLA CHIANA AR)

Nelle cinque domeniche di febbraio e il 1 marzo appuntamento a Foiano della Chiana per il suo scenografico e antichissimo Carnevale: i quattro carri coronati dai giganti di cartapesta sfilano nelle strade del centro storico accompagnati da mascherate, street band ed eventi collaterali. Il 1 marzo verrà decretato un vincitore. Moltissime le attività previste: dalla mattina al pomeriggio c’è Carnevalandia, Carnevale dei bambini con gonfiabili, giostre, spettacoli, laboratori di cartapesta, giocolieri; il pomeriggio street food, aperitivi e festeggiamenti vari, che culminano alle 15 con l’inizio delle sfilate dei carri e le mascherate. La chiusura di domenica 1 marzo trova il suo apice alle 19 con il testamento, il verdetto e la cremazione di Re Giocondo. Info: 0575.642100 – www.carnevaledifoiano.it

NEVE IN TOSCANA

Leggera spruzzata di neve alle quote più alte ha imbiancato, nella notte fra giovedì e venerdì, le montagne della Toscana. Si scia dunque sull’Appennino pistoiese: all’Abetone (www.multipassabetone.it) sono aperti 12 impianti su 17 e 15 piste, inclusi i collegamenti sci ai piedi tra le diverse zone del Comprensorio (escluso il ritorno da Abetone verso Ovovia); situazione buona anche alla Doganaccia (www.doganaccia2000.it) con 3 impianti aperti su 4 e le piste 1 e 2 perfettamente innevate. Sull’Amiata (www.amiataneve.it) già oggi sono aperti il Campo Scuola Macinaie con la Sciovia Jolly e il Campo Scuola Vetta servito dal Tapis Roulant. Per il fine settimana sarà in funzione anche la Seggiovia Cantore a Servizio della Pista Vetta. In Garfagnana prosegue l’apertura del campo scuola al Casone di Profecchia (www.centroturisticoilcasone.it), permettendo così lo svolgimento delle settimane bianche programmate da molte scuole, mentre a Zeri in Lunigiana (www.zumzeri.eu) è aperta una piccola area innevata per il gioco dei bambini.